Stefano Accorsi gira un film a Venezia, il sindaco: "Sciacallaggio"

Stefano Accorsi (Photo by Franco Origlia/Getty Images)
Stefano Accorsi (Photo by Franco Origlia/Getty Images)


Venezia è devastata dal maltempo e dall’acqua alta. La situazione nella città lagunare è drammatica, i danni incalcolabili. Come se non fossero già tante le polemiche che fanno da contorno all’emergenza (Mose in primis), nelle ultime ore se ne è aggiunta un’altra: un botta e risposta al veleno tra l’attore e regista Stefano Accorsi e il sindaco Luigi Brugnaro. Ecco cosa è successo.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Accorsi-Brugnaro: è scontro

Il maltempo e l’innalzamento del livello dell’acqua ha causato due morti ed enormi perdite sul fronte economico. In questi giorni difficili, in Laguna è presente anche Stefano Accorsi, impegnato nelle riprese di un film insieme a Valeria Golino. L’attore bolognese ha documentato via social l’angosciante condizione in cui si è ritrovata Venezia. Il post non è affatto piaciuto a molti dei suoi fan, i quali hanno sostenuto che, di fronte a simili tragedie, bisognerebbe fermarsi. Nelle ultime ore anche il primo cittadino della città ferita ha detto la sua in merito.

LEGGI ANCHE: Allerta rossa a Venezia: Piazza San Marco chiusa

Il post dell’attore

“Piazza San Marco non è stata chiusa per le riprese del film ma per l’acqua alta - ha scritto Accorsi sui social - Stiamo girando a Venezia dal 4 novembre e continueremo fino al 12 dicembre. Non stiamo facendo nessuno sciacallaggio, semplicemente non potevamo immaginare una situazione simile”.

L’attore 48enne ha poi precisato che il film non è il solo lavoro che cerca di procedere in città e che tutti stanno tentando di farlo per rialzare la testa e non arrendersi: “Come ho già scritto, essere qui in questi giorni è stato impressionante e angosciante. Stiamo semplicemente portando a termine un lavoro che era già previsto, cerchiamo di fare come tutti qui: andare avanti. Cosa dovremmo fare? Smettere di girare? E i negozianti cosa dovrebbero fare? Non aprire più i loro negozi? Ognuno qui sta lottando per fare il proprio lavoro”.

SFOGLIA LA GALLERY: Venezia di nuovo sott'acqua: le foto del disastro

"Non c'è di peggio che la speculazione"

Proprio nella mattinata del 15 novembre, Accorsi e la Golino sono stati invitati a lasciare piazza San Marco mentre stavano girando una scena del loro ultimo film, che ha causato malumori e proteste in piena acqua alta. Con loro sono stati allontanati anche decine fra comparse e troupe cinematografica.

Duro il sindaco Brugnaro: "C'è poi anche qualcuno che vorrebbe girare un film, li abbiamo mandati via, anche questi. Poi non c'è di peggio che la speculazione in questi momenti".

GUARDA ANCHE - Venezia in ginocchio. allerta rossa


Potrebbe interessarti anche...