Stefano Pioli salta la conferenza e lascia San Siro in lacrime: lutto in famiglia

Soccer Football - Serie A - AC Milan v Fiorentina - San Siro, Milan, Italy - November 13, 2022 AC Milan coach Stefano Pioli looks dejected as Fiorentina's Antonin Barak celebrates scoring their first goal with teammates REUTERS/Daniele Mascolo
Stefano Pioli salta la conferenza e lascia San Siro in lacrime: lutto in famiglia REUTERS/Daniele Mascolo

Ha abbandonato il campo senza trattenere le lacrime, poi non si è presentato alla conferenza stampa di rito. Al suo posto l'ex fuoriclasse rossonero Paolo Maldini, oggi responsabile dell'area tecnica. Grave lutto in famiglia per Stefano Pioli.

VIDEO - Chi è Stefano Pioli?

La vittoria contro la Fiorentina è un traguardo importante per il Milan, che ora interrompe il campionato per la pausa Mondiali. A gennaio riprenderà la sua corsa, inseguendo il Napoli capolista. Al termine della partita il mister Stefano Pioli ha lasciato in fretta San Siro per gravi problemi familiari. Il tecnico del Milan non ha commentato quindi la prestazione dei rossoneri ai media, al suo posto si è presentato il dt Paolo Maldini. Il club si è stretto attorno al suo allenatore, che è partito per Parma.

L'annuncio arriva tramite un tweet condiviso dalla società. "Il Milan stringe commosso tutta la famiglia del nostro mister in un abbraccio forte e intenso per la perdita del caro cognato Luca", si legge. Il fratello della moglie Barbara è stato stroncato da un infarto all'età di 63 anni. Pioli avrebbe appreso la notizia da un messaggio ricevuto sul suo cellulare.

Inizialmente l'allenatore pare abbia chiesto al club massimo riserbo sul lutto, in quanto non tutti i parenti erano ancora a conoscenza della triste perdita.

LEGGI ANCHE: Milan, Maldini: 'Rincorsa al Napoli, ci crediamo. De Ketelaere? Sta soffrendo. Ma ha contratto di 5 anni, non 5 mesi...'

Ai microfoni di Dazn, al termine del match contro la Fiorentina, Maldini ha dichiarato: "Non vincere avrebbe cambiato la sosta. Abbiamo ottenuto questa vittoria con sacrificio senza un gioco armonioso, ma avevamo voglia di vincere e ce l'abbiamo fatta. Potevamo fare gol noi, ma anche loro. Il rischio ci stava, per noi un pareggio sarebbe stato una mezza sconfitta. Ci abbiamo provato fino alla fine, la volontà fa tanto".

Quindi ha aggiunto: "Abbiamo due punti in meno dell'anno scorso, la differenza è quello che ha fatto il Napoli che sta facendo cose incredibili. Siamo agli ottavi di Champions, dobbiamo recuperare alcuni giocatori. Certo che crediamo nella ricorsa al Napoli. L'anno scorso quando abbiamo giocato il derby di ritorno eravamo a -7 e poi abbiamo vinto lo scudetto".