'Sterling tuffatore', rivolta social contro rigore Inghilterra

·2 minuto per la lettura

"Sterling tuffatore". Il rigore che ha permesso all'Inghilterra di battere la Danimarca e di volare in finale a Euro 2020 fa discutere, per usare un eufemismo. I tifosi di tutto il pianeta calcio, Inghilterra esclusa, contestano la decisione dell'arbitro Makkelie e puntano il dito contro il tuffo dell'attaccante: Sterling si è buttato, è il verdetto inappellabile. Come se non bastasse, l'azione incriminata è anche viziata dalla presenza di un altro pallone in campo. Insomma, ce n'è abbastanza per spingere molti appassionati -non solo italiani- a denunciare il trattamento di favore riservato alla Nazionale dei Tre Leoni, che chiuderà il torneo tra le mura amiche di Wembley, dove ha giocato tutti i match ad eccezione dei quarti di finale vinti a Roma contro l'Ucraina. Sui social, foto e video dell'episodio più contestato abbondano sui profili di utenti di ogni nazionalità. Non mancano accuse al presidente della Uefa, Aleksander Ceferin: c'è chi immagina oscure manovre legate alla Superlega, abbandonata dai club inglesi, e scommette a pelle su un feeling particolare tra Uefa e Inghilterra. Tutto riassunto nell'hashtag #CeferinOut che ricompare. 

GUARDA ANCHE - Euro 2020, i social si preparano alla finale e impazzano i meme Italia-Inghilterra

Nel mirino dei tweet finiscono anche i cosiddetti 'pundit', gli esperti della tv inglese. In prima fila c'è Gary Lineker, ex calciatore e oggi volto della Bbc: pochi giorni fa, come Alan Shearer, non ha esistato a stigmatizzare con ironia la 'scena' di Ciro Immobile nel match vinto dall'Italia con il Belgio. L'attaccante della Lazio è stramazzato al suolo nell'area avversaria reclamando un rigore, salvo rialzarsi miracolosamente quando Barella è andato a segno pochi secondi dopo. ''Non dici nulla di Sterling?", la domanda che migliaia di persone pongono ora a Lineker. "Non voglio più sentire accuse di simulazione ad altri giocatori", si legge in un altro messaggio, che mette in discussione la presunta 'superiorità morale' dell'english football rispetto ai furbacchioni latini. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli