Rugby, Steve Thompson choc: l'ex stella inglese ha pensato al suicidio

·1 minuto per la lettura
Rugby Union - Worcester Warriors v London Wasps Aviva Premiership  - Sixways  - 28/10/11 
London Wasps' Steve Thompson 
Mandatory Credit: Action Images / Ian Smith 
Livepic
Rugby Union - Worcester Warriors v London Wasps Aviva Premiership - Sixways - 28/10/11 London Wasps' Steve Thompson Mandatory Credit: Action Images / Ian Smith Livepic

Non è un buon momento per l'ex stella del rugby inglese Steve Thompson, messo sotto controllo dopo aver tentato il suicidio. Lo sportivo, oggi 43enne, ha raccontato al Daily Mail la sua situazione.

Nel corso dell'intervista al tabloid inglese Thompson ha svelato: "A volte mi ritrovo a pensare che la cosa meno egoistica da fare sia uccidermi, e per questo sono stato messo sotto controllo. Qualche tempo fa ero andato in una stazione ferroviaria e avevo dei brutti pensieri…”.

Thompson, campione del Mondo nel 2003, ha svelato di essere stato messo sotto controllo per aver tentato il suicidio a causa della demenza precoce causata dai colpi alla testa subiti durante la carriera. Il 43enne fa parte di un gruppo di giocatori che hanno citato in giudizio World Rugby per negligenza, e ha già annunciato che donerà il suo cervello alla scienza così da poterlo analizzare per studiare casi simili. Da lui e da altri casi simili (come quello di Carl Hayman) World Rugby ha aumentato l’attenzione sui casi di commozione celebrale, dichiarando di voler mettere il tema al centro dei suoi interessi.

Il forte ex tallonatore ha aggiunto: “Vivo parecchi alti e bassi. Quando sto bene mi sento tranquillo e brillante, poi arrivano sensazioni diverse e mi sembra di avere deluso tutti”.

VIDEO - Italrugby, Crowley sul Sei Nazioni: "Daremo il massimo, ma non ci facciamo illusioni"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli