Strage in Texas, lo sfogo dell'allenatore NBA Steve Kerr

Steve Kerr (Photo by Thearon W. Henderson/Getty Images)
Steve Kerr (Photo by Thearon W. Henderson/Getty Images)

Rabbia, commozione e cordoglio da parte dello sport a stelle e strisce di fronte alla tragedia che ha colpito una scuola in Texas, dove un diciottenne ha sparato su studenti e insegnati, uccidendo 19 bambini e due docenti.

Steve Kerr, allenatore degli Warriors, il cui padre è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un attacco terroristico a Beirut nel 1984, ha parlato in conferenza stampa prima di gara 4 contro Dallas delle finali di conference Nba, partita disputata ad alcune centinaia di km dal luogo della strage.

Un atto di denuncia chiaro contro chi continua a opporsi a varare leggi più restrittive riguardo la vendita delle armi. "Quando faremo qualcosa? - ha tuonato Kerr -. Sono stanco, sono così stanco di venire qui e fare le condoglianze alle famiglie devastate che sono là fuori. Sono stanco dei minuti di silenzio. Basta!". In particolare Kerr ha parlato del disegno di legge H.R.8, fermo da anni al Senato, attaccando apertamente i senatori che non lo vogliono votare. "Non lo votano per mantenere il proprio potere - ha detto l'allenatore -, ma chiedo a tutti voi senatori che rifiutate di fare qualcosa per la violenza e le sparatorie nelle scuole e nei supermercati, vi chiedo: avete intenzione di mettere il vostro desiderio di potere davanti alla vita dei nostri figli, dei nostri anziani e dei nostri fedeli? Perché è così che appare. È quello che succede ogni settimana".

Alla voce di Kerr si sono aggiunti Chris Paul, Lebron James: "Ora basta - ha scritto - Questi sono bambini e continuiamo a metterli in pericolo a scuola. A scuola dove dovrebbe essere il posto più sicuro". E ancora Houston Texas di Mlb, Dallas Cowboys di Nfl, le legehe di basket maschile e femminile e tanti altri hanno voluto manifestare il proprio cordoglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli