Stretta del Governo sugli stadi: la capienza torna al 50%. E la Serie A è in allerta per i tamponi dei giocatori

·2 minuto per la lettura

Il nuovo anno si avvicina e con esso la ripresa del campionato: tutti in campo il 6 gennaio, almeno così da programma, mentre la variante Omicron rilancia il problema Covid sul regolare svolgimento delle gare e la loro fruizione allo stadio. D'altronde, i casi riscontrati anche tra i giocatori durante le feste sono stati diversi e con le prime riprese degli allenamenti il numero è cresciuto ulteriormente: la Salernitana è già un piccolo focolaio con sei casi, l'Empoli ha riscontrato oggi tre casi nel gruppo squadra, il Genoa ha Criscito e Shevchenko, casi tra Spezia, Torino e Fiorentina. E mentre la Lazio recupera Immobile e il Napoli registra la guarigione di Insigne e Fabian Ruiz (ancora positivo Lozano), cresce l'attesa e l'allerta per la giornata di domani: dall'Inter al Milan, dalla Juve al Napoli, dalla Roma alla Lazio, giovedì 30 dicembre è il giorno fissato per la ripresa degli allenamenti a ranghi completi e, di conseguenza, il giorno X per i tamponi che daranno un aggiornamento pieno sulla situazione coronavirus in Serie A e relative indicazioni in vista della ripresa.

VERSO L'OBBLIGO VACCINALE - Mentre l'ombra del Covid torna ad agitare la Serie A, proseguono i discorsi sull'introduzione dell'obbligo vaccinale anche per i calciatori in Italia. Le nuove misure che entreranno in vigore dal 10 gennaio introducono il super green pass (quello che si può ottenere tramite vaccinazione o guarigione da meno di sei mesi) per l'accesso agli spogliatoi, alle palestre o per praticare uno sport di squadra al chiuso. Per tutti gli atleti, neanche nelle Faq sono emerse distinzioni o esenzioni per gli atleti agonisti o di rilevanza nazionale. La direzione dunque è chiara ed era stata auspicata anche dal presidente federale Gabriele Gravina: "Dobbiamo valorizzare meglio l’idea di un super green pass a livello di gruppo e di spogliatoio, ci stiamo ragionando". Una mossa volta a dare l'esempio ma anche a facilitare la fruizione delle prossime misure del governo in tema quarantena per contatti stretti.

STRETTA SULLA CAPIENZA DEGLI STADI - Nel frattempo, arriva anche una stretta sulla capienza per stadi e palazzetti: non più il 75% attuale, si torna al 50% con disposizione a scacchiera per gli stadi, mentre i palazzetti avranno un massimo del 35%. E' quanto emerge dal Consiglio dei ministri, nel quale si è parlato anche di una possibile riduzione della capienza sul modello francese (massimo 5000 spettatori): alla fine ha prevalso una linea più morbida, adottata oggi anche dalla Spagna. Per accedere allo stadio comunque, varranno le altre norme già introdotte: obbligo di green pass rafforzato (dunque obbligo di vaccino o guarigione da meno di sei mesi) e mascherina FFP2. Le nuove limitazioni dovrebbero entrare in vigore già dalla ripresa del campionato.

@Albri_Fede90

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli