Supercoppa spagnola in Arabia, 24 milioni di euro alla Kosmos di Piqué: 'Nessun conflitto d'interessi'

·2 minuto per la lettura

In Spagna esplode il caso Supercoppa. C'è stata anche un'interrogazione parlamentare dopo le rivelazioni del Confidencial. La competizione si giocherà in Arabia Saudita per sei anni con una nuova formula allargata grazie a un accordo firmato dal presidente della federcalcio spagnola, Luis Rubiales. E in ognuno di questi sei anni andranno 4 milioni di euro (per un totale di 24 milioni) in commissioni alla Kosmos, una società di proprietà di Gerard Piqué.

Quest'ultimo, forte dei suoi contatti con l'Arabia, ha offerto a Rubiales un pacchetto: "Otto milioni al Real Madrid e al Barça, 2 e 1 agli altri, 6 a voi". Cifre registrate in un audio che ha fatto il giro del mondo. Gli altri erano Atletico Madrid e Valencia, che si sono lamentati per la sperequazione. La trattativa è andata avanti e si è chiusa nel settembre 2019 per cifre più elevate: 40 milioni all'anno alla Rfef, 4 a Kosmos.

Il difensore del Barcellona ha dichiarato in conferenza stampa sul proprio canale Twitch: "Sono molto orgoglioso di questo accordo perché è importante per il calcio spagnolo, totalmente legale e secondo me non c'è conflitto d'interessi. Non prenderò mai decisioni a seconda di quello che pensa la gente. Non ho niente da nascondere, per questo sono qui e se necessario sarò qui fino alle tre del mattino. Abbiamo ottimi contatti in Medio Oriente e la gente in Arabia Saudita ci ha detto che voleva portare le competizioni calcistiche nel loro paese. Vedendo il panorama abbiamo deciso di parlare con il presidente federale Rubiales per vedere se potevano essere interessati a spostare la Supercoppa fuori dalla Spagna. Abbiamo proposto a Kosmos di cambiare anche il formato. Con il senno di poi è stato un successo e la gente è super-appassionata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli