Superlega, lo scontro tra i 'dissidenti' e la Uefa finisce alla Corte Europea: le ultime e la reazione da Nyon

·1 minuto per la lettura

I nuovi attacchi arrivati dalla Uefa e dal suo presidente Aleksander Ceferin non hanno sortito alcun effetto, così come le minacce sempre più pressanti di sanzioni nei confronti di Juventus, Barcellona e Real Madrid, i tre club rimasti a difesa del progetto Superlega. Come riferisce una nota dell'ufficio stampa della Corte di Giustizia Europea, le tre società si sono rivolte per contestare la presunta violazione da parte di Uefa e Fifa delle norme sulla concorrenza stabilite dall'Unione Europea, rifacendosi al pronunciamento del Tribunale Commerciale di Madrid delle scorse settimane.

GLI SCENARI - Nello specifico, proprio il Tribunale della capitale spagnola ha sottoposto una domanda pregiudiziale alla Corte di giustizia Ue, la quale dovrà dare interpretazione delle norme rilevanti nella procedura. Questa interpretazione sarà vincolante per il giudice nazionale e per tutti gli altri giudici Ue che si troveranno ad affrontare una questione analoga. Il rischio di una disputa legale tra i club della Superlega e la Uefa è dunque sempre più concreto e le conseguenze rischiano di essere pesantissime.

LA REAZIONE UEFA - Nel primo pomeriggio, anche la Uefa si è esposta tramite un breve comunicato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli