Superlega, marchio depositato in Spagna il 10 gennaio

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Un marchio della Superlega europea (Esl) è stato depositato all'ufficio marchi spagnolo il 10 gennaio di quest'anno. E' quanto risulta da una verifica effettuata dall'Adnkronos. Il richiedente risulta essere tale Miguel Ángel Galán Castellanos che, da una verifica dell'indirizzo di registrazione, sembrerebbe essere lo stesso Miguel Ángel Galán Castellanos presidente del Centro Nacional de Entrenadores de Fútbol (Cenafe), la scuola nazionale allenatori, in pratica la Coverciano spagnola.

Intanto è arrivata la conferma che la Jp Morgan finanzierà il progetto della Superleague. I 12 club "ribelli" dimostrano di fare sul serio: dopo l'annuncio ufficiale e l'uscita dall'Eca, i club membri hanno già trovato, nel colosso finanziario, il loro finanziatore. "Il nuovo torneo annuale fornirà una crescita economica significativamente più elevata ed un supporto al calcio europeo tramite un impegno di lungo termine a versare dei contributi di solidarietà senza tetto massimo, che cresceranno in linea con i ricavi della lega". Questo quanto scritto sul comunicato ufficiale di Jp Morgan. "Inoltre - prosegue il comunicato - il torneo sarà costruito su una base finanziaria sostenibile con tutti i Club Fondatori che aderiscono ad un quadro di spesa. In cambio del loro impegno, i Club Fondatori riceveranno un contributo una tantum pari a 3.5 miliardi di euro a supporto dei loro piani d’investimento in infrastrutture e per bilanciare l’impatto della pandemia Covid-19".