Superlega, Tebas contro i tre club: "Barça, Juve e Real sono tre naufraghi su una barca"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il presidente della Liga Javier Tebas, intervenuto nel corso di un evento di fine stagione del campionato spagnolo, è tornato a parlare di Superlega. Senza risparmiare le frecciata ai tre club ancora ufficialmente coinvolti nel progetto, ovvero Real Madrid, Barcellona e Juventus sono stati abbastanza duri.

Javier Tebas | AFP7/Getty Images
Javier Tebas | AFP7/Getty Images

"Se è vero - le parole riprese dai colleghi di Calcio e Finanza - che il formato Superlega è morto, credo che sia anche sbagliato il modello che Real, Barcellona e Juventus stanno ancora difendendo. Stanno cercando di mantenere questo modello con quella bandiera della “misura cautelare” del Tribunale di Madrid. Io dico che è una barca con tre naufraghi e una bandiera, e la bandiera è la misura cautelare del Tribunale. Bisogna cercare di convincerli che hanno sbagliato, e che dovrebbero lavorare seguendo un’altra linea. Il problema della trasparenza non si risolve con una competizione, con un concetto con il quale non è d’accordo la maggior parte dei club nel mondo. Il calcio non può girare intorno a 15 club" il pensiero del numero uno delle federazioni calcistica spagnola, dal principio contrario (così come la Uefa, la Fifa e le altre federazioni, inclusa la Figc) alla Super League.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli