Un po' Pogba, un po' Kroos: chi è Szoboszlai, il talento seguito da Milan e Napoli

Goal.com

Cosa c’è di meglio di aver cresciuto uno dei migliori talenti d’Europa? Averne cresciuti due. Chiedere al Salisburgo della prima metà della stagione in corso (fino allo stop): mentre Erling Haaland conquistava tutti a suon di goal tra campionato e Champions League, trend confermatto anche al Borussia Dortmund da gennaio in poi, Dominik Szoboszlai impressionava al suo fianco. E sembra poter essere la prossima star del Salisburgo a spiccare il volo.

È più piccolo dell'amico, sia a livello fisico e anagrafico, e gioca in un ruolo diverso, ma l’intesa che l’ungherese ha trovato con l’altro classe 2000 norvegese è stata uno dei punti di forza della squadra che ha messo a serio repentaglio la qualificazione del Napoli e del Liverpool agli ottavi di Champions League. Diversi club avevano anche pensatto  acquistarli in coppia. Per ora l'impresa potrebbe riuscire soltanto al Dortmund, almeno nei prossimi mesi.

Dominik Szoboszlai Erling Braut Haaland RB Salzburg 2019-20
Dominik Szoboszlai Erling Braut Haaland RB Salzburg 2019-20
Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Le ultime voci potrebbero però vederli divisi: il norvegese in Germania, l'ungherese in Italia, magari con addosso il rossonero del Milan. Un eventuale trasferimento che lui ha definito come "destino". Negli scorsi mesi anche la Lazio lo aveva cercato. Ora, per sua stessa ammissione, ha una vasta gamma di offerte tra le quali scegliere. Tra le quali potrebbe esserci anche quella del Napoli, che gli ha messo gli occhi addosso.

Per lui i paragoni importanti si sprecano. Szoboszlai a ‘Goal’ a ottobre, dopo essere stato inserito nella lista NxGn dei 50 migliori talenti teenager del mondo a marzo 2019, aveva parlato proprio dei giocatori a cui viene comparato.

“Alcuni dicono che somiglio a Milinkovic-Savic, altri a Toni Kroos”.

Per non farsi mancare nulla, lui stesso ha fatto anche il nome di Pogba. E il talento, senza dubbio, l'hanno notato tutti. L’ungherese ha esordito a novembre 2018 in prima squadra lanciato da Marco Rose , dopo aver fatto pratica nel Liefering, la seconda squadra del Salisburgo. Ha chiuso la stagione scorsa con 3 goal e 4 assist in 16 partite, mettendo in mostra tutto il suo repertorio offensivo.

In questo inizio di annata ha stabilito una grande intesa con Haaland e migliorato il suo bottino: già 4 goal e 7 assist complessivi, giocando soprattutto sulla parte sinistra di centrocampo, anche se può giocare anche a destra senza problemi, così come da trequartista. In generale ha una duttilità che, con il talento naturale che ha, lo ha reso uno dei talenti più interessanti d’Europa. Sempre con i piedi per terra.

Anche se il grande salto tra le stelle, proprio come quello di Haaland, sembra solo questione di tempo. E il Milan, 'chiamato' da quelle parole che nelle scorse ore hanno fatto molto rumore, ha tutta l'intenzione di accaparrarselo in mezzo alla folta concorrenza. Napoli compreso.

Potrebbe interessarti anche...