Tadej Pogacar sperava in più arrivi in salita

·1 minuto per la lettura

Il campione in carica Tadej Pogacar ha detto la sua sul percorso del Tour de France 2021 in programma dal 26 giugno al 18 luglio, con partenza dalla Bretagna in direzione Alpi e seguente passaggio sui Pirenei, prima del consueto finale a Parigi. "E’ un tracciato interessante. In confronto alle ultime edizioni, sembra essere un Tour de France classico - ha commentato lo sloveno dell’ UAE Team Emirates -. La prima settimana in Bretagna potrà regalare emozioni, con il possibile maltempo e il vento a influenzare la corsa, e con la cronometro che potrebbe essere adatta alle mie caratteristiche. Poi il percorso si indirizzerà verso le Alpi, dove verranno disputate frazioni molto impegnative, e a seguire una tappa leggendaria con la doppia scalata del Mont Ventoux. Un paio di tappe presentano più di 4.500 metri di dislivello, è facile capire come il percorso si presenti impegnativo. Le tappe sui Pirenei sarebbero valide per le mie potenzialità, con alcune strade che conosco bene, anche per averle percorse nella Vuelta del 2019. Ci saranno solo tre arrivi in salita, qualcuno in più sarebbe stato a me maggiormente congeniale, ma questo non impedirà sicuramente al Tour di essere come al solito emozionante".