Tapiro d'oro a Cassano: "Zeman mi critica? Parla dall'oltretomba"

·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"Zeman sostiene che Totti sarà ricordato da tutti e io al massimo solo a Bari? Parla pure lui adesso, si è svegliato dall’oltretomba". Antonio Cassano riceve il Tapiro d'Oro da Striscia la Notizia e replica piccato alle dichiarazioni di Zdenek Zeman. Per l'allenatore boemo, l'ex attaccante sarà ricordato solo a Bari. Cassano, ai microfoni di Bobo tv, in precedenza si era soffermato su Francesco Totti, destinato ad essere dimenticato a Roma tra 20 anni. "Non sono mai stato invidioso di nessuno e non sono un rosicone: ho una famiglia meravigliosa, il grano l’ho fatto, gioco a padel. In Italia ci sono troppi leccaculo", dice Cassano, che non risparmia una frecciatina all’attuale ad dell’Inter Beppe Marotta, che l’ha definito un "talento" e non un "campione": "Marotta deve dire grazie a me se è andato alla Juventus, perché i risultati che ha fatto qui a Genova se li sogna ancora la notte. Ribadisco che per me è un incompetente: i giocatori della Sampdoria manco li conosceva. È solo un grandissimo gestore della stampa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli