Tardelli: 'Juve, con Locatelli alzi l'asticella. E prenderlo a quelle condizioni è un affare'

·2 minuto per la lettura

Con la Juventus ha vinto tutto quello che c'era da vincere, con la maglia dell'Italia ha trionfato in un Mondiale leggendario, giocando sempre lì, in mezzo, correndo, rincorrendo e segnando. E oggi, Marco Tardelli dice la sua, a la Gazzetta dello Sport, su un nuovo centrocampista bianconero, Manuel Locatelli: "Forte. Bravo al Sassuolo, bravo all’Europeo. La Juve ha messo l’asticella in alto. L'operazione di mercato in prestito biennale con obbligo di riscatto? Per me sono troppo alte tutte le valutazioni del calcio moderno. Al netto di questo però capisco che il prezzo venga fatto dal mercato. E sì, prendere Locatelli con questa formula è un affare. Sarà il centrocampista centrale, per me è un perfetto play davanti alla difesa. Gestisce bene il gioco, sa fare tante cose".

SU ALLEGRI - "Uno dei top al mondo, sì. Sa gestire lo spogliatoio, non guarda in faccia a nessuno, in passato ha mandato in panchina anche Dybala e Higuain, ha personalità e carattere. E poi non è mai contento, come tutti i toscani".

IL CAMPIONATO - "La Juve è la favorita, è la più forte, anche se sarà un campionato strano, dopo un Europeo stancante. L'Inter sarà la grande rivale. Lukaku e Hakimi sono perdite importanti ma Inzaghi è bravo, ha motivazioni, è un giovane già esperto e ha sempre fatto giocare bene le sue squadre".

SU RONALDO - "Quanto al ruolo in campo, mi sta bene nella sua posizione a sinistra. Non mi pare abbia fatto danni... Ronaldo ha segnato quasi 30 gol anche nell’ultimo campionato e quei gol, se lui se ne andasse, mancherebbero. Per me, la conferma sarebbe una buona notizia per la Juve, ma tutto dipende da lui, da quanta voglia ha di restare. Non vuole restare? E allora, è meglio cambiare".

Guarda tutte le partite di Serie A TIM della Juventus su DAZN. Attiva ora

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli