Tare blinda Luis Alberto, il Milan può tornare su Ilic. Ma non è solo, e occhio alla variabile Lukic

Ivan Ilic alla Lazio, un affare ormai fatto da tempo: ma per concluderlo serviva un tassello che, nonostante tutte le parole e le indicazioni che giungevano giorno dopo giorno, non è mai andato al suo posto: Luis Alberto al Siviglia. Alla fine, gli andalusi hanno scelto Isco, svincolato dal Real Madrid, e Luis Alberto si è trovato senza più possibilità di raggiungere lo stadio Ramòn Sanchez Pizjuan. Il ds biancoceleste Igli Tare, ieri, è stato categorico: lo spagnolo resta a Roma, nonostante la panchina iniziale nella gara vinta contro il Bologna. E ora Ilic cosa fa?

DEADLINE - In teoria, la Lazio ha ancora un paio di giorni per sfruttare il diritto di precedenza che si è costruita nel tempo, ma la batteria delle mezzali di Sarri è al completo con Milinkovic, Basic, Vecino e appunto Luis Alberto. Non ci sarebbe spazio per il giovane serbo ex Manchester City. Nel frattempo, come vi abbiamo svelato la settimana scorsa, il Milan ha preso informazioni presso l'entourage del ragazzo, sul quale si registra l'interesse anche di alcuni club di Bundesliga. Tra un paio di giorni, in assenza di scossoni su altri fronti, i rossoneri saranno ufficialmente in ballo, con la possibilità di gettare le basi anche per un'operazione successiva alla sessione in corso. E chissà che non ci sia concorrenza anche dalla stessa Serie A...

SERBO PER SERBO - Il caso Lukic può costringere il Torino a tornare sul mercato dopo gli acquisti di Miranchuk, Vlasic e Radonjic. Se il capitano e la società non riusciranno a ricucire lo strappo (oggi il giocatore era presente all'allenamento, tentativi di pace in corso), a Juric servirà un altro centrocampista centrale; e chi meglio di Ilic, che proprio il tecnico croato ha lanciato quando era ancora alla guida del Verona? Sono attesi sviluppi importanti nelle prossime ore. Intanto, Ilic ha giocato dall'inizio la prima di campionato contro il Napoli, a differenza dell'altro uomo-mercato Barak...