Tecnica KTM: quel cupolino con i denti da squalo

Franco Nugnes
motorsport.com

Il diavolo sta nei dettagli: per anni la MotoGP non ha considerato l’aerodinamica come un aspetto della ricerca utile alle prestazioni. Da quando la Ducati ha messo la sua Desmosedici in galleria del vento, l’approccio del mondo delle moto è cambiato, accendendo l’attenzione su temi di ricerca che fino a ieri non interessavano.

E anche nelle due ruote, come da tempo avviene in F1, la micro-aerodinamica spinge la ricerca delle prestazioni in piccoli dettaglia che non sono più insignificanti. Se le alette si sono generalizzate con forme e dimensioni su tutte le MotoGP (l’Aprilia RS-GP 2020 ha proposto una vera e propria ala anteriore), ecco apparire le carenature dei cerchi e tante altre piccole soluzioni interessanti.

Red Bull KTM RC16: ecco il cupolino con i denti di squalo

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio
Red Bull KTM RC16: ecco il cupolino con i denti di squalo <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Red Bull KTM RC16: ecco il cupolino con i denti di squalo Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Nel test di Sepang che hanno aperto la stagione 2020 non è sfuggita una soluzione della KTM RC16 di Pol Espargaro: il bordo d’uscita del cupolino sui due lati è caratterizzato da una vistosa zigrinatura.

La forma a dente di squalo serve a generare dei micro vortici per gestire un flusso d’aria molto perturbato e migliorare l’efficienza aerodinamica della moto austriaca.

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del parabrezza a denti di squalo

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del parabrezza a denti di squalo <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del parabrezza a denti di squalo Giorgio Piola

Giorgio Piola

Una soluzione simile è stata utilizzata dalla Mercedes nei GP: per ridurre le turbolenze sul casco dei piloti, sopra, il team di Brackley usa un piccolo parabrezza dentato davanti all’abitacolo, mentre per far stallare il profilo principale dell’alettone posteriore nel GP del Belgio 2019, sotto, era stata attaccata una striscia adesivi zigrinata che aveva il compito di ridurre la resistenza all’avanzamento della freccia d’argento per cercare più alte velocità massime…

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio dell'ala posteriore con la seghettatura nel profilo di uscita

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio dell'ala posteriore con la seghettatura nel profilo di uscita <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Mercedes AMG F1 W10, dettaglio dell'ala posteriore con la seghettatura nel profilo di uscita Giorgio Piola

Giorgio Piola

Potrebbe interessarti anche...