Tennis, Alcaraz porta la Next Gen in vetta. Italiani sempre protagonisti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 set. (askanews) - Mai come oggi la Next Gen potrebbe essere definita Now Gen. Il numero 1 del mondo della Pepperstone ATP Race to Milan, Carlos Alcaraz, è infatti diventato ieri il più giovane (19 anni e 129 giorni) numero 1 della classifica ATP grazie al suo successo negli US Open. E l'Italia è sempre protagonista nella corsa a conquistare un posto fra gli otto qualificati alle Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals, in programma all'Allianz Cloud di Milano dall'8 al 12 novembre, non soltanto con i già affermati Jannik Sinner e Lorenzo Musetti ma con un gruppo che si sta consolidando nelle posizioni di vertice settimana dopo settimana.

Nel ranking pubblicato oggi, dopo la conclusione degli US Open, sono infatti otto i nostri rappresentanti nelle prime venti posizioni. Spicca il passo in avanti di Francesco Passaro (adesso al n. 9, era 10 lo scorso 29 agosto) che alimenta ancor di più le sue speranze di staccare il biglietto per Milano. Il 19enne di Perugia ha raggiunto otto giorni fa la finale del Challenger di Como, mentre a luglio a Trieste ha conquistato il primo titolo nel challenger della carriera.

A poco più di 100 punti da Passaro c'è Luca Nardi, che invece di titoli challenger ne ha vinti tre, tutti conquistati in questa stagione, di cui l'ultimo arrivato poco più di una settimana fa a Maiorca. Il 19enne di Pesaro ha guadagnato in un colpo solo tre posizioni e si trova adesso al numero 12.

Molto vicini a Nardi (a meno di 40 punti) ci sono Giulio Zeppieri (n.13), Francesco Maestrelli (n.15), aggregato alla squadra azzurra protagonista questa settimana alla Unipol Arena di Bologna nella fase a gironi delle Davis Cup by Rakuten Finals, Flavio Cobolli (n.16) e Matteo Arnaldi (n. 17). Gli ultimi due sono in tabellone questa settimana al challenger di Szczecin, in un main draw che vede al via anche il cinese di Taipei Chun-Hsin Tseng (n.8 della Race to Milan).