Tesoretto da 30 milioni in arrivo per il Milan: le due cessioni in vista

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il mercato del Milan, ma anche quello della maggior parte delle italiane, non è ancora decollato definitivamente. Per ora i rossoneri hanno dovuto far fronte agli addii a parametro zero di Gianluigi Donnarumma (si attende l'ufficialità al Psg) e di Hakan Calhanoglu (andato all'Inter). Per ora i rossoneri hanno ufficializzato "solo" l'arrivo di Mike Maignan - nuovo portiere titolare - prelevato dal Lille per circa 15 milioni di euro, oltre al riscatto a titolo definitivo del difensore Fikayo Tomori per 28 milioni di euro dal Chelsea.

Pobega con l'Italia U21 | Jonathan Moscrop/Getty Images
Pobega con l'Italia U21 | Jonathan Moscrop/Getty Images

Ma in attesa del sostituto di Hakan Calhanoglu e degli altri rinforzi da regalare a Stefano Pioli (Olivier Giroud su tutti) il Milan punta a costruirsi un tesoretto in casa per rientrare dei 43 milioni spesi finora sul mercato. E al momento sono due i nomi papabili in uscita: il primo è quello di Tommaso Pobega, centrocampista classe 1999 di ritorno dallo Spezia e da un'ottima prima stagione in Serie A, mentre il secondo indiziato dovrebbe essere Jens Hauge.

Jens Petter Hauge | Jonathan Moscrop/Getty Images
Jens Petter Hauge | Jonathan Moscrop/Getty Images

Su Pobega c'è il forte interesse dell'Atalanta che punta a ripetere l'operazione Pessina, con il Milan che punta ad incassare 15 milioni di euro per una plusvalenza pulita. Sul fronte Hauge, con la stessa valutazione da 15 milioni, le richieste - spiega calciomercato.com - arrivano principalmente dalla Bundesliga con l'Eintracht Francoforte che tenta il sorpasso al Wolfsburg.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli