Todt: "La Formula 1 elettrica fra decenni, forse mai"

Jonathan Noble

Mentre la Formula E sta crescendo sensibilmente e ha attirato l'interesse di fan e produttori, Jean Todt è scettico sul fatto che la tecnologia a batteria sia in grado di soddisfare le esigenze di velocità e distanza della F1 per molti anni a venire.

Al contrario, Todt vede l'attenzione della F1 rimanere sull'uso di motori ibridi, che non solo riutilizzano l'energia di scarto, ma possono essere resi più rispettosi dell'ambiente attraverso un maggiore utilizzo di combustibile biodegradabile.

"Al momento puoi considerare la F1 solo con un motore ibrido", ha dichiarato Todt. "Non puoi immaginare di avere la FE che sostituisce la F1. 300kms? Non esiste una macchina da corsa [elettrica] in grado di percorrere oggi 300 km alla velocità della F1. Ci vorranno decenni prima che ciò accada, se succede".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Oggi l'ibrido è la scelta giusta, il prossimo passo è vedere come possiamo garantire carburanti più ecologici".

L'opinione di Todt è supportata dal capo del motore F1 Mercedes Andy Cowell, che ritiene che lo sport possa fare grandi guadagni nello sviluppo di tecnologie bio-sostenibili in futuro.

Parlando a Motorsport.com delle previsioni di Todt secondo cui la F1 non diventerà elettrica per decenni, Cowell ha dichiarato: "Tutto dipende dalla tecnologia di memorizzazione. Se si tratta di ioni di litio, il suo lasso di tempo è corretto.

"Se cerchi una soluzione di idrogeno che può essere fatta oggi, le macchine sarebbero molto più pesanti e molto più ingombranti di quanto non siano oggi. A quel punto penso che si perda l'aspetto F1.

"Quindi penso che sia per questo che i passi che stiamo intraprendendo per il 2021 sono importanti, dove stiamo introducendo un combustibile biodegradabile al 10%.

"Se possiamo, con la prossima generazione di unità di potenza, sviluppare un motore attorno al combustibile sostenibile al 100%, allora c'è un'enorme quantità di anidride carbonica che potremmo convertire in un combustibile a base di idrocarburi liquidi".

"Quindi lasciamo tutto il carbonio che viene catturato nella terra sotto forma di gas e petrolio greggio e così via. Lasciamolo lì. Il pianeta ha fatto un ottimo lavoro per catturarlo, quindi catturiamo un po' fuori dal cielo piuttosto che fuori terra.

"Creiamo carburanti liquidi e un motore termico efficiente al 60%, a quel punto non si tratta di eliminare la combustione interna. Si tratta di adattare quello e le aziende petrolchimiche adattandosi alla cattura del carbonio e così via. Penso che sia il futuro di 10-20 anni ".

Il presidente della F1 Chase Carey ritiene che lo sport possa fungere da faro per i benefici della tecnologia ibrida, poiché i produttori di auto stradali valutano ciò che i consumatori vorranno in futuro.

"Penso che questo sia un problema offensivo, non un problema difensivo", ha detto. "L'elettricità farà parte della soluzione. Ma sai, hanno i loro problemi, che si tratti di economia o batterie, che cosa hai. Ma penso che ci siano molti problemi intorno.

"Penso che il motore ibrido possa effettivamente essere, in molti modi, uno dei componenti più importanti, se non più importanti, di affrontare oggi oltre un miliardo di auto in più con motori a combustione. E possiamo, attraverso iniziative come i carburanti, la tecnologia dei carburanti e la ripresa dell'energia, continuano a fare quello spazio ".

Potrebbe interessarti anche...