Tokyo 2020, Daley termina il cardigan: lavori all'asta per la ricerca contro il tumore che uccise il papà

·1 minuto per la lettura
- (Photo: instagram - getty)
- (Photo: instagram - getty)

Il cardigan olimpico è terminato. Tom Daley, medaglia d’oro britannica nei tuffi sincronizzati in coppia con Matty Lee, è anche campione di lavori a maglia: durante Tokyo 2020 le immagini che lo ritraevano mentre si rilassava con l’uncinetto in tribuna hanno fatto il giro del mondo. “Imparare a farlo mi ha aiutato così tanto”, ha dichiarato lo sportivo 27 enne. Ora il cardigan decorato con la scritta “Team Gb” e i cerchi olimpici che Daley stava realizzando in questi giorni è finalmente pronto e viene mostrato sui social.

Alla passione per il lavoro a maglia l’atleta britannico ha infatti perfino dedicato una pagina Instagram intitolata “Made with love by Tom Daley” che, all’indomani del risultato olimpico, ha superato i 400 mila followers.

I lavori realizzati sono uno strumento per fare beneficenza: basti pensare che un maglione realizzato dal campione ha raccolto su una piattaforma di crowdfunding quasi 6 mila sterline in 14 giorni. I fondi raccolti vengono devoluti alla lotta contro il tumore al cervello, il male che colpì e uccise il padre di Daley dieci anni fa.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli