"Tomas Milian cuore laziale": i tifosi della Roma si indignano

Anche dopo il caso degli adesivi di Anna Frank la Lazio ha deciso di aprire la Curva Sud agli ultras della Nord per la gara contro l'Udinese.

Biancoceleste o giallorosso? La battaglia per stabilire la fede calcistica di un personaggio illustre sarebbe destinata a scatenarsi in ogni caso: figuriamoci quando si parla di uno scomparso da pochissimo, come Tomas Milian.

Nelle ultime ore l'attore di origini cubane, morto a Miami lo scorso 22 marzo all'età di 84 anni e famoso per i personaggi de 'er Monnezza' e del commissario Giraldi, è al centro di una diatriba tra le tifoserie della Lazio e della Roma. Colpa di uno striscione esposto in Curva Nord durante il derby di mercoledì sera: "Tomas Milian cuore laziale".

Sui social network, molti sostenitori della Roma si sono indignati: "Tomas Milian era di fede giallorossa, non biancoceleste", è la protesta comune contro lo striscione. Insomma, secondo loro la realtà è stata travisata dai rivali.

Una convinzione sostenuta peraltro da una confessione resa pubblicamente qualche anno fa dallo stesso Milian, che aveva confermato di tifare Roma. Proprio come 'er Monnezza'. Anzi, proprio grazie a lui: "Lo amo più di me stesso, quindi sono giallorosso anch'io".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità