Tomori: "Il Milan è un'opportunità enorme. Giroud? Un grande attaccante"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Arrivato quasi sotto traccia nel mercato invernale Fikayo Tomori si è trasformato in pochissimo tempo in un titolare della difesa di Stefano Pioli, con il tecnico che ha spinto tanto affinché il Milan lo riscattasse dal Chelsea per 28 milioni di euro. E al Corriere della Sera il difensore anglo-canadese ha parlato della sua esperienza rossonera, senza dimenticare anche l'Europeo appena terminato e vinto dall'Italia.

Tomori al lavoro a Milanello | AC Milan/Getty Images
Tomori al lavoro a Milanello | AC Milan/Getty Images

Come giudica la sua esperienza al Milan fin qui?
"Alla grande. Mi hanno subito accolto tutti benissimo, fin dal primo giorno. Grande società, strutture eccezionali. C’è tutto per crescere e per vincere. Un sogno" le parole di Tomori riportate da Calciomercato.com.

L’obiettivo di quest’anno è qualificarvi di nuovo alla Champions oppure è giusto puntare più in alto?
"Nulla è impossibile, si gioca sempre per vincere. Noi siamo una squadra giovane, stiamo crescendo, ma il secondo posto della stagione scorsa dice che siamo sulla strada giusta. Dobbiamo andare avanti così, step by step, passo dopo passo".

Il Milan crede molto in lei. Ha fatto un investimento importante per acquistarla dal Chelsea, 28 milioni. Una cifra che pesa o carica?
"Nessun peso, è una grande soddisfazione sentire questa fiducia attorno a me. Tutti mi stanno aiutando. L’ho capito subito: il Milan è il posto giusto per me".

Tomori e Kjaer | Valerio Pennicino/Getty Images
Tomori e Kjaer | Valerio Pennicino/Getty Images

Che rapporto ha con Kjaer e Romagnoli?
"Due grandi campioni, mi stanno aiutando moltissimo nella crescita personale. Dentro il campo ma anche fuori. Romagnoli è il capitano, mi parla in inglese e questo mi aiuta. Ho un ottimo feeling con lui e con Kjaer".

E con Pioli? Cosa sta imparando dall’allenatore?
"Mi insegna i segreti e i dettagli. Come vuole che giochi nel suo sistema, con il resto della squadra. Era un difensore, mi insegna molto su come difendere, sulla posizione da avere in campo. Ho un ottimo rapporto con lui".

Pioli e Tomori a Milanello | Pier Marco Tacca/Getty Images
Pioli e Tomori a Milanello | Pier Marco Tacca/Getty Images

A proposito di difensori: c’è anche un certo Maldini.
"A volte ancora non mi sembra vero quando ci parlo, sapendo la carriera che ha fatto, chi è. Un mito assoluto, una leggenda del calcio. Paolo è una di quelle persone che può aiutarti davvero, darti incredibili consigli. Sto provando a prendere quanto più posso da lui".

Capitolo Ibrahimovic. Lui dice che siete tutti figli suoi. Quanto è importante nello spogliatoio?
"È un leader vero, capace di farti tirare fuori il meglio anche solo con una parola, uno sguardo. Un fuoriclasse".

A proposito di Chelsea, che ci dice di Giroud?
"Una persona molto gentile oltre che un grande attaccante. Ha un’esperienza immensa".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Sugli episodi di razzismo contro i giocatori della nazionale inglese:
"C’è bisogno di un cambiamento culturale. È una minoranza di persone che vive sui social. Se giochi una partita e sbagli un rigore, inevitabilmente ti riempiono di insulti, ma non è giusto e credo che tutti siano d’accordo che c’è bisogno di fare qualcosa, c’è bisogno di un cambiamento. Che deve partire dai ragazzi, dai più giovani. L'Italia? Anche qui parliamo di minoranze, il problema è che molta gente non conosce le altre culture e quindi ne ha paura. Viviamo in un mondo multiculturale, lo si vede sia a Milano che a Londra. Bisogna migliorare a partire dall’educazione, così da far conoscere a tutti cosa è il razzismo e perché va combattuto".

Sul ko dell'Inghilterra nella finale europea con l'Italia:
"Siamo andati in vantaggio subito, dopo due minuti, la situazione era positiva. Ma credo che andando avanti con la partita ci siamo stancati e l’Italia è diventata più forte. L’Inghilterra ha fatto un grande Europeo, è andata vicino a vincerlo. Sfortunatamente non ci è riuscita. Ma l’Italia ha meritato. Ora pensiamo ai Mondiali. Bisognerà avere la stessa mentalità, far leva sull’esperienza accumulata per crescere ancora. La squadra è molto giovane, i Mondiali sono tra un anno, ogni giocatore avrà tempo per migliorare e prepararsi. Io in Qatar? Spero di sì, è il mio obiettivo.Tutti i giocatori vorrebbero partecipare ai Mondiali, sarebbe un sogno per me. Il Milan è un’opportunità enorme. Mi sto concentrando su questo. Mi sento bene".

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli