Tonali è il vero capitano del Milan

·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Gli occhi lucidi a fine partita raccontavano tutto il mondo di Tonali. Il Brescia, i paragoni ingombranti, il sogno di una vita chiamato Milan e la delusione per non aver dato quello che voleva alla sua prima stagione. Ora il cerchio può chiudersi con il gol vittoria contro la Lazio. Un gol che ha tutto il sapore di scudetto. Sandro guarda i suoi tifosi e ci crede: “Una grande emozione - la dichiarazione a DAZN - per me questo gol, ogni gol con questa maglia è un'emozione e non la dimenticherò mai". CAPITAN FUTURO - Da almeno un mese convive con un dolore che gli dà noia sia in allenamento che in partita. Ma Tonali non si è tirato indietro, sempre pronto a lottare in mezzo al campo per il Milan e i suoi compagni. Uno stile, in campo e fuori, che tanto piace a Maldini, Massara e Pioli. Sandro è un leader silenzioso, a dispetto della giovane età ha già raggiunto un equilibrio mentale che ha fatto la differenza in questa stagione. I primi mesi gli sono serviti per studiare Milanello, le pressioni, i compagni e le idee dell’allenatore. E a gestire i sentimenti del tifoso rispetto a quelli del professionista. Dettagli che stanno facendo la differenza e che lo porteranno a diventare presto il nuovo capitano del Diavolo. Magari già a partire dalla prossima stagione considerando gli addii certi di Romagnoli e Kessie. Per i tifosi, d’altronde, lo è già da diverso tempo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli