Torino, Belotti sincero: "Non mi sento di valere 100 milioni"

Urbano Cairo ribadisce la propria linea su Belotti: "Non ho avuto contatti col Monaco. Voglio tenerlo e magari fare ancora qualcosa sul mercato".

25 goal e tanta voglia di superare una leggenda granata come Valentino Mazzola: questa è indubbiamente la stagione di Andrea Belotti, bomber del Torino e attuale capocannoniere del campionato insieme a Dzeko che ieri non è riuscito a timbrare il cartellino contro il Pescara.

Stessa sorte anche per il 'Gallo', rimasto a secco in occasione del bel successo esterno dei granata arrivato sul campo del Chievo: Belotti ha comunque disputato una gara di sacrificio, utile alla sua squadra per ottenere tre punti importanti su un campo ostico.

Intervenuto ai microfoni della trasmissione 'Tiki Taka', Belotti ha parlato del derby d'andata perso contro la Juventus: "Purtroppo il goal che ho fatto a loro non è servito a nulla: le giocate di Higuain hanno fatto la differenza, così come la prova dei loro difensori tra cui Chiellini e Bonucci che hanno fatto benissimo".

Sulla famosa clausola da 100 milioni di euro presente nel suo contratto: "Sinceramente non mi sento di valere così tanto, nel calcio però le cifre sono aumentate a dismisura così come i valori dei giocatori che sono schizzati alle stelle".

La classifica capocannonieri resta un obiettivo: "E' dura duellare con bomber come Edin Dzeko e Mauro Icardi, capaci di segnare anche due o tre reti a partita. Serve restare concentrati e sfruttare ogni occasione perché nessuno regala nulla".

Infine un aneddoto sul suo passato: "Da piccolo feci un provino con l'Atalanta che però non mi fece sapere nulla, anche se a dire il vero non è che andai molto bene".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità