Totti ad un passo dal ritiro? Ferrero: "Quando lascerà sarà lutto nazionale"

Spalletti chiede una reazione alla Roma: "Partita fondamentale, secondo posto come lo Scudetto per la Juventus. Totti? Sarebbe meglio se parlasse".

Hanno fatto il giro del mondo le parole con le quali il nuovo direttore sportivo della Roma, Monchi, ha di fatto annunciato l’addio al calcio giocato di Francesco Totti al termine della stagione.

Sebbene infatti la notizia fosse in qualche modo nell’aria, erano in molti a sperare che il capitano giallorosso potesse continuare a calcare i campi da gioco e comunque, sono in tanti a pensare che la modalità con la quale il suo ritiro sia stato annunciato non sia quella giusta.

Tra coloro che nelle ultime ore anno commentato l’imminente ritiro di Totti, anche il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero che, parlando all’Adnkronos, ha spiegato: “Totti è un campione, un esempio importante dell'onestà, della sportività e del calcio italiano. La società Roma ha creduto in lui, e lui ha creduto nella Roma, poteva andare a giocare dove voleva, è rimasto a Roma e il giorno che Totti attaccherà gli scarpini al chiodo, in modo giusto o sbagliato, non entro nelle decisioni della Roma, sarà lutto nazionale”.

Totti resta uno dei più grandi campioni espressi dal calcio italiano nella sua storia: “Totti è Totti, è una grande persona talentuosa, magica, bella, che ama quello che fa e poi è un po' come me, rappresentiamo il popolo, e sarebbe un pezzo d'Europa e d'Italia che va via e me ne dispiaccio molto, sono molto infelice”.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità