Tra rimonte e controrimonte, Sassuolo-Napoli finisce 3-3: la cronaca e le pagelle

Andrea Gigante
·8 minuto per la lettura

Alle 18.30 va in scena al Mapei Stadium la partita tra Sassuolo e Napoli, valida per la venticinquesima giornata di Serie A. In vista delle gare che si giocheranno alle 20.45, i partenopei hanno la possibilità di avvicinarsi alla zona Champions, rimanendo in scia della Juventus e facendo sentire il proprio fiato sul collo di Atalanta e Roma. D'altro canto, i neroverdi non hanno ancora abbandonato il sogno di qualificarsi in Europa League e sono quindi pronti a vedere cara la pelle.

Le due squadre scendono in campo con moduli speculari: entrambi i tecnici optano infatti per un 4-2-3-1. I fari sono puntati sul duello a suon di gol tra Caputo e Mertens. Inizia la partita!

Nei primi minuti di gara, il Napoli cerca la costruzione dal basso a tutti i costi, rischiando di perdere palla sul pressing frenetico dei neroverdi. Al 9' è proprio Caputo a cercare il primo tiro in porta, ma il tentativo è deviato in angolo da un difensore. Al tredicesimo minuto, il fraseggio del Sassuolo rallenta per poter rendere omaggio, con un applauso, a Davide Astori.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

È il quindicesimo, quando gli emiliani si lanciano in contropiede. Dopo un fallo a metà campo, l'arbitro lascia giocare e Berardi è libero di calciare in area di rigore, ma la conclusione viene respinta dai piedi di Meret. A metà primo tempo possiamo affermare che le squadre hanno preparato la partita allo stesso modo: riconquistare la palla il prima possibile, costruire l'azione dal basso e tenere il possesso. Tuttavia, il Sassuolo appare più lucido, mentre il Napoli commette diversi errori di costruzione.

Al 20' è capitan Insigne a suonare la carica con un tiro a giro che però viene deviato prima che il pallone arrivasse in porta. Sugli sviluppi del calcio d'angolo arriva il gol che avrebbe potuto sbloccare la partita: Insigne batte il corner, la difesa respinge; la palla viene allargata ancora sul 24 azzurro che dopo un controllo sopraffino infila in rete ancora una volta con un tiro a giro che si piazza all'incrocio dei pali. Però la rete viene annullata per fuorigioco (millimetrico) e si rimane sullo 0-0. Il Napoli sembra però aver trovato fiducia e al 24' Politano cerca la porta con un tiro che però finisce largamente sul fondo.

Alla mezz'ora Berardi imbuca per Defrel; l'attaccante francese prende una spallata da un difensore del Napoli e cade atterra. I neroverdi chiedono il rigore, ma Marini lascia correre.
Al 34' il Sassuolo trova il gol: punizione sulla sinistra che Berardi batte forte e teso verso l'area di rigore; la palla trova la deviazione di Maksimovic che fa carambolare la palla in porta. È 1-0 per gli emiliani.

Ma il Napoli non si abbatte e dopo appena 5 minuti Demme, in area di rigore, scarica il pallone al limite. Il passaggio è raccolto da Zielinski che controlla e trova il gol con un gran tiro da fuori. Si ritorna sulla parità.

La grinta di Zielinski dopo il gol dell'1-1 | Alessandro Sabattini/Getty Images
La grinta di Zielinski dopo il gol dell'1-1 | Alessandro Sabattini/Getty Images

Finale di primo tempo dai ritmi frenetici. Al 44', Rogerio mette un cross basso verso il centro; Caputo viene colpito da dietro da Hysaj e l'arbitro non ha dubbi: è rigore. Dal dischetto Berardi tira centrale e insacca la palla in rete. Il primo parziale si conclude 2-1 per i neroverdi.

Primo tempo sontuoso di Berardi | Alessandro Sabattini/Getty Images
Primo tempo sontuoso di Berardi | Alessandro Sabattini/Getty Images

Il secondo tempo inizia con gli stessi ventidue giocatori del primo. I neroverdi scendono in campo con l'obiettivo di mettere il risultato in cassaforte. Dopo appena 3 minuti, Defrel effettua un tiro forte e rasoterra dal limite dell'area, ma Meret si allunga e blocca il pallone.

Al 53' Maksimovic ha l'opportunità opportunità di farsi perdonare; il centrale serbo viene servito con un cross preciso di Mertens, ma di testa spreca l'occasione.

I partenopei si buttano in avanti, nel tentativo di trovare il pareggio, ma non riesce a costruire delle azioni realmente pericolose e si espone alle ripartenze del Sassuolo. Infatti, al 69' è ancora Berardi a far tremare i napoletani con un tiro dalla distanza che finisce sulla traversa. Non passa nemmeno un minuto e Caputo colpisce nuovamente il legno della porta.

Ma è proprio nel momento migliore del Sassuolo che il Napoli trova il pareggio. Insigne semina il panico sulla fascia, va sul fondo e crossa. Di Lorenzo è bravo a farsi trovare pronto e appoggia il pallone a porta vuota

Dopo il 70' le squadre si allungano e arrivano più facilmente alla conclusione. Da registrare il salvataggio di Consigli su un tiro sottomisura di Fabian, dopo un errore grossolano di Ferrari.

A dieci minuti dalla fine, De Zerbi e Gattuso rivoluzionano le proprie squadre con dei cambi. A giovarne maggiormente sono i partenopei. Al novantesimo infatti, Di Lorenzo è bravo a controllare un cambio campo di Insigne e con un po' di furbizia si fa fare fallo da un ingenuo Haraslin: è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Lorenzo Insigne che spiazza Consigli e completa la rimonta dei suoi.

Tutto sembra finito, ma gli ultimi minuti del match sono incredibili! Il Sassuolo attacca a testa bassa, con Harslin che galoppa sulla fascia. A marcarlo c'è Manolas che sembra poterlo agevolmente accompagnare sul fondo del campo. Il greco però commette fallo e al novantatreesimo è rigore per gli emiliani. Berardi è uscito, quindi la responsabilità ricade su Caputo; il bomber neroverde non sbaglia e il match finisce 3-3.

Caputo esulta dopo aver realizzato il gol del 3-3 - Serie A | Alessandro Sabattini/Getty Images
Caputo esulta dopo aver realizzato il gol del 3-3 - Serie A | Alessandro Sabattini/Getty Images

Le pagelle del Sassuolo

Le pagelle del Napoli

Meret 6.5. L'estremo difensore azzurro non ha colpe sui gol, anzi è bravo sui tentativi di Defrel e Djuricic nel secondo tempo.

Di Lorenzo 6.5. L'esterno azzurro brilla in fase offensiva: prima segna il gol del 2-2, facendosi trovare al posto giusto sul cross di Insigne; poi è abile nel cercare il fallo da rigore che porta al momentaneo vantaggio del Napoli.

Rrahmani 5.5. Il difensore kosovaro sembra ancora lontano dall'aver compreso i meccanismi della difesa a quattro di Gattuso e anche stasera offre una prestazione singhiozzante.

Maksimovic 5. Serata difficile anche per il centrale serbo che prima spizza il tiro di Berardi facendolo finire nella propria porta, poi manca l'appuntamento con il gol nel secondo tempo. (dal 85' Lobotka s.v.)

Hysaj 5. L'albanese viene schierato a sorpresa sulla fascia sinistra, ma la sua prestazione è decisamente insufficiente. Reo di aver effettuato il fallo che ha portato al rigore per il Sassuolo. (dal 72' Ghoulam 6.5. Nonostante il poco minutaggio, il marocchino offre una buona prestazione, sovrapponendosi bene e permettendo a Insigne di essere ancora più pericoloso)

Fabian 5. Il centrocampista spagnolo è l'obra di quello che abbiamo avuto la fortuna di ammirare lo scorso anno. La sua presenza a centrocampo è impalpabile. Nel secondo tempo ha l'occasione di approfittare dell'errore della difesa del Sassuolo, ma sbaglia clamorosamente.

Demme 6. Partita senza infamia e senza lode quella del mediano tedesco. Bravo a servire l'assist a Zielinski in occasione del primo gol partenopeo, ma quando il Sassuolo ripartiva in contropiede, faticava a stare dietro agli avversari. (dal 72 Bakayoko 6. Il francese entra in campo con la voglia di fare e dopo pochi minuti anticipa Maxime Lopez e rovescia in proiezione offensiva. Tuttavia, a un certo punto si ricorda di non avere grandi qualità tecniche e arriva sul fondo portando il pallone con sé)

Zielinski 7. Il centrocampista polacco vive un grande periodo di forma. È bravo a mantenere il Napoli in vita con un tiro forte e preciso che supera Consigli. (dal 84' Manolas 4. Il difensore greco gioca solo pochi minuti, quindi in teoria dovrebbe prendere s.v., ma un giocatore esperto come lui non può commettere un fallo in area di rigore al novantatreesimo)

Politano 5.5. L'esterno ci prova, dribbla e calcia in porta, senza mai creare concrete occasioni da gol.

Mertens 5.5. Il belga sembra non aver ancora ritrovato il ritmo partita e, complice una prestazione di squadra non ottimale, non gioca una buona gara. Da evidenziare però il cross preciso sciupato da Maksimovic (dal 67' Elmas 5.5. Il macedone è un jolly nella squadra di Gattuso, ma da falso nueve non sembra brillare)

Insigne 7.5. Il capitano azzurro è il migliore dei suoi. Nel primo tempo gli annullano un gol di pregevole fattura, ma lui non si arrende. Si fa dare il pallone, dribbla, crossa, trova un assist e un gol. Proprio in occasione del rigore dimostra tutta la sua leadership, assumendosi la responsabilità di un penalty al 90'.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Napoli e della Serie A.