Trigoria blindata, Ussi e Fnsi contro la Roma : "Negato il diritto di cronaca"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il metodo Mourinho per la preparazione estiva della Roma non è andato giù all'Unione Stampa Sportiva Italiana e alla Federazione Nazionale Stampa Italiana. Colpa di un ritiro blindato, con Trigoria che ha chiuso le sue porte ai giornalisti.

Mourinho a Trigoria | Luciano Rossi/Getty Images
Mourinho a Trigoria | Luciano Rossi/Getty Images

A tal proposito USSI e FNSI hanno emesso un comunicato congiunto chiedendo alla Roma, in sostanza, il rispetto del diritto di cronaca: “Esiste un interesse generale all’informazione, e questo interesse implica, in un regime di libera democrazia, pluralità di fonti di informazione, libero accesso alle medesime, assenza di ingiustificati ostacoli legali, anche temporanei, alla circolazione delle notizie e delle idee”. Questo stabilisce la Corte Costituzionale, con sentenza 105/1972, che risulta ignorata o, comunque, disattesa dalle disposizioni che la società AS Roma ha emanato per gli accreditamenti agli allenamenti della prima squadra. Evidenti e inaccettabili le limitazioni al diritto di cronaca e al pluralismo dell’informazione, ma anche all’esercizio del diritto al lavoro, negato a colleghi giornalisti e fotografi. Il limite inaccettabile al diritto di cronaca posto dalla AS Roma riguarda tutti i settori informativi. Ai giornalisti è stato negato l’accesso per la prima amichevole ufficiale della stagione. Sarà così anche per la seconda. Nella seconda parte della preparazione, in Portogallo, su 12 giorni solo un paio di volte sarà possibile entrare nel centro sportivo che ospita la Roma e vedere gli allenamenti. Va garantito il diritto di cronaca, il diritto dei lettori, dei telespettatori, degli ascoltatori, di essere informati".

Zaniolo durante l'allenamento | Luciano Rossi/Getty Images
Zaniolo durante l'allenamento | Luciano Rossi/Getty Images

"L’accordo della società con una agenzia per la diffusione delle immagini - si legge ancora nel comunicato - non deve rappresentare motivo per negare l’accesso alle fonti dirette a colleghi e colleghe: impedire a giornalisti e operatori dell’immagine la possibilità di produrre contenuti autonomi rappresenta una violazione che FNSI e USSI condannano e contro la quale interverranno in sede legale. L’AS Roma è libera di utilizzare l’agenzia per i propri canali informativi, ma non precludere agli operatori dell’informazione il diritto a svolgere la loro attività. FNSI e USSI si rivolgeranno anche agli organismi di disciplina della categoria nei confronti di chi, componente dello staff della comunicazione e iscritto all’Ordine, nega questo diritto, come risulta da molte testimonianze, anche scritte. Al di fuori degli enti di categoria, sedicenti associazioni non hanno alcuna funzione e alcuna legittimità".

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli