Tudor, che bordate: "La Juve ci ha cacciato: è ingiusto. Pirlo ha sbagliato, non farò più il secondo"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Igor Tudor, ex allenatore in seconda della Juventus con Andrea Pirlo in panchina, si è sfogato in un’intervista rilasciata al giornale croato Vecernji List. L'ex collaboratore del tecnico italiano, che ora potrebbe ripartire come primo allenatore in qualche piazza di Serie A o all'estero, ha parlato dei problemi sorti durante l'anno alla Juve.

La stagione alla Juventus?

"È stata dura, ma alla fine siamo riusciti a qualificarci per la Champions League, abbiamo anche vinto la Coppa Italia, eppure ci hanno cacciato. Mi dispiace e non lo trovo giusto. Ma ho deciso una cosa: non sarò mai più l’assistente di nessuno".

Igor Tudor | Alessandro Sabattini/Getty Images
Igor Tudor | Alessandro Sabattini/Getty Images

Lo staff della Juventus?

"Alla Juventus mi ha chiamato Pirlo. È andata così; c’era una lista con cinque nomi compilata dalla Juventus e Paratici ha lasciato a Pirlo la decisione. E lui ha scelto me. Ma siccome è molto amico di Baronio, ha preso anche lui e un altro, un analista (Gagliardi, ndr) e ci ha messi tutti allo stesso livello. Non era giusto, perché dopo tutto io sono un allenatore. Però ho accettato perché era la Juve".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità della Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli