Tutti pazzi per Donnarumma, Ferron a sorpresa: “Meret tecnicamente più forte”

Il baby gioiello della SPAL Alex Meret svela la propria volontà in vista del prossimo anno: "Voglio giocare, sarebbe bello nell'Udinese".

Gianluigi Buffon è ancora il padrone dei pali azzurri, ma alle sue spalle non manca il talento: Gianluigi Donnarumma e Alex Meret, entrambi convocati dal ct Ventura per gli impegni contro Albania e Olanda, rappresentano un futuro roseo.

Fabrizio Ferron, ex portiere dell'Inter ed attuale preparatore dei portieri dell'Under 17, ha spiegato le differenze tra i due talenti ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Donnarumma non sente le pressioni ma Meret tecnicamente è più completo. Scuffet è un ottimo portiere, spero torni titolare. Mi sembra ieri quando li allenavo nelle nazionali giovanili e invece sono già a questi livelli. Erano ragazzini con delle qualità fuori della norma e i risultati lo dimostrano. Se sono titolari nei club e già nel giro della Nazionale significa qualcosa. Sono persone serie, spesso si hanno dei pregiudizi sui giovani, invece per loro no. Meret lo chiamavo 'vecchietto', perché mi sembrava avanti anni luce".

Ferron analizza le caratteristiche dei due portieri azzurri: "Di Donnarumma m'impressiona la velocità ad andare a terra, nonostante sia un gigante. E poi sorprende per come affronta le partite, ha una personalità tale che gli permette di farsi scivolare tutto. Dimentica immediatamente quello che succede in campo, e questa è una grande qualità per un portiere. Meret tecnicamente forse è più completo, anche per un discorso di conformazione fisica. Tutti e due affrontano le gare con la massima serenità. Scuffet ha meno qualità tecniche rispetto a Donnarumma e Meret, ma come loro regge benissimo le pressioni delle partite".


La nuova generazione di portieri è dettata da un modello come Buffon: "Faccio un paragone con gli altri sport, lo sci in Italia è esploso grazie a Tomba. Dopo di lui tutti i bambini volevano sciare. Nel calcio è uguale, avere un portiere come Buffon come esempio è un apripista per questi ragazzi che vogliono emularlo. Una figura così aiuta tantissimo i giovani. Se ti alleni con Buffon capisci perché gioca ancora titolare a 40 anni".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità