Tutto ok tra Inter e Uefa per i pagamenti al 31 marzo: pronta anche la prima rata per Hakimi

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Nessun problema di scadenze per l'Inter in vista dei controlli Uefa che scatteranno il 31 di marzo, come conferma l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Entro la giornata di mercoledì, il club nerazzurro verserà regolarmente i soldi che deve in base alle scadenze amministrative e contrattuali del 31 marzo stabilite dal massimo organo calcistico europeo.

Il via dei bonifici da parte di Suning arriverà a prescindere dall’iniezione di liquidità che nelle prossime settimane dovrebbe arrivare grazie all’intervento di un fondo estero che permetterà alla famiglia Zhang di arrivare almeno a fine stagione alla guida dell'Inter, con l'obiettivo di vincere lo scudetto e di rendere il brand sempre più attraente per gli acquirenti.

Achraf Hakimi | Jonathan Moscrop/Getty Images
Achraf Hakimi | Jonathan Moscrop/Getty Images

La rosea aggiunge anche che entro la fine del mese sarà saldata la prima rata di 13 milioni di euro nei confronti del Real Madrid per l’acquisto di Achraf Hakimi. Non c'è nessuna stranezza a riguardo: si tratta semplicemente di un pagamento differito di comune con un club amico come quello spagnolo di Florentino Perez nel contesto di un'emergenza economica causata dalla pandemia. In origine l'Inter avrebbe dovuto versare la prima rata dell’acquisto entro dicembre, prima che lo slittamento di tre mesi fosse concordato.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.