Udinese, pressing per la conferma di Gotti: la prima alternativa è Zenga

Il direttore dell'area tecnica dell'Udinese Pierpaolo Marino vuole fare un ultimo tentativo: "Parleremo con Gotti, che sta facendo molto bene".
Il direttore dell'area tecnica dell'Udinese Pierpaolo Marino vuole fare un ultimo tentativo: "Parleremo con Gotti, che sta facendo molto bene".

Dopo l'esonero di Tudor l'Udinese ha affidato momentaneamente la panchina a Luca Gotti, il vice del croato, ed i risultati ottenuti dal tecnico ad interim sono stati positivi: 4 punti in due partite e zona retrocessione allontanata. Gotti, però, in sala stampa non alimenta le voci di una sua possibile conferma e annuncia l'addio.

"Fare il capo allenatore sarebbe un piacere, ma non reputo che sia la direzione giusta. Lascio come da accordi".

E allora arriva anche la conferma che i friuliani stanno operando le opportune valutazioni per presentarsi al rientro dalla sosta delle nazionali con un nuovo allenatore. Nel borsino dei papabili per la panchina dell'Udinese, come riporta 'La Gazzetta dello Sport', i nomi più caldi sono quelli di Walter Zenga Moreno Longo. L'uomo ragno, dopo aver smentito una sua possibile partecipazione all'Isola dei famosiè considerato il favorito in questa corsa per una panchina in Serie A. Sempre che Gotti non ci ripensi.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Un ultimo tentativo per convincerlo a rimanere sulla panchina dell'Udinese, infatti, lo vuole fare Pierpaolo Marino: il direttore dell'area tecnica dei friulani ai microfoni di 'Radio Rai' ha annunciato di voler parlare ancora con l'attuale allenatore bianconero, non escludendo una sua possibile conferma sulla panchina dell'Udinese.

"Non voglio anticipare niente, abbiamo esaminato varie possibilità e continueremo a parlare con Gotti che si è comportato bene, quindi prima di prendere qualsiasi decisione vorremmo parlare con lui. È una decisione che va presa collegialmente e con grande calma".

Il pareggio con la SPAL ha confermato potenzialità e fragilità dei bianconeri: un reparto arretrato capace di subire solamente 7 reti in 10 partite se si escludono gli 11 goal incassati nel giro di due partite contro Atalanta Roma che sono costati la panchina di Tudor, e dall'altro lato un'attacco che è rimasto a secco in 6 delle ultime partite come riportato dai dati 'Opta'. L'allenatore che subentrerà a Gotti dovrà quindi ripartire da questi dati. Oltre a Zenga e Longo, per la panchina dei friulani ci sono anche Davide Ballardini e Pasquale Marino.

Potrebbe interessarti anche...