Udinese, Marino accusa Paratici e la Juventus: 'Proteste hanno condizionato Chiffi, sono cose da altre epoche...'

·1 minuto per la lettura

Durissimo attacco di Pierpaolo Marino, dirigente dell'Udinese, che accusa la Juve per le decisioni arbitrali della gara della Dacia Arena, persa nel finale contro i torinesi: "Sono arrabbiato perché la squadra ha fatto una grandissima partita, sono a tutela di quel che la squadra ha fatto. La punizione di Ronaldo che ha determinato il rigore era a nostro favore. Io sono un veterano del calcio ma ci si aggrappa al recupero mancato del primo tempo per condizionare Chiffi (si riferisce a Paratici a bordo campo a protestare con l'arbitro, ndr): e poi succede che ti danno un rigore per una punizione che non c'era. Cuadrado fa fallo su Stryger Larsen, non accade l'inverso. Sono nervoso, abbiamo fatto una grande partita, all'83' c'è un'ingenuità di De Paul? Io dico anche di Chiffi. E' un errore grossolano, regalarlo a Ronaldo non può passare inosservato. C'è stato condizionamento: alla fine del primo tempo c'è stato un assalto a Chiffi perché non ha dato un minuto di recupero da parte di dirigenti, preparatori, allenatori. Sembrava avessero perso per il mancato recupero. Sono cose che appartengono a un calcio di altre epoche e non va bene. Ci sono stato e lo biasimavo allora come adesso".