Uefa perdona 9 club della Super League. Deferiti Juventus, Barcellona e Real

·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
(Photo: STF via Getty Images)
(Photo: STF via Getty Images)

Nove club della Super League perdonati dall’Uefa, con tre (Juventus, Real Madrid e Barcellona) è ancora battaglia.

“Ho detto al Congresso Uefa che ci vuole un’organizzazione forte per ammettere di aver commesso un errore soprattutto in questi giorni di prova sui social media.
Questi club hanno fatto proprio questo”. Il presidente Uefa, Aleksander Ceferin, come si legge sul sito ufficiale della Confederazione, rende note le misure di reintegro per nove club (Milan, Inter, Arsenal, Chelsea, Atletico Madrid, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham) fondatori della Superlega. “Juve, Barcellona e Real Madrid, che si sono rifiutati di rinunciare alla Superlega, invece, sono stati deferiti agli organi disciplinari competenti”.

Nei confronti dei 9 club sono state decise sanzioni. “Le misure annunciate sono significative, ma nessuna delle sanzioni pecuniarie sarà mantenuta dall’uefa- ha poi spiegato- saranno tutti reinvestiti nel calcio giovanile e di base nelle comunità locali di tutta europa, compreso il regno unito. Questi club hanno riconosciuto rapidamente i loro errori e si sono messi in azione per dimostrare il loro impegno futuro nel calcio europeo. Lo stesso non si può dire per i club che rimangono coinvolti nella cosiddetta ‘Super League’ e l’Uefa si occuperà successivamente di quei club”.

Juventus, Real Madrid e Barcellona, scrive il ‘New York Times’, sarebbero pronti a chiedere i danni alle società che hanno fatto dietrofront, procedendo per vie legali. Bianconeri, blancos e blaugrana non hanno firmato l’accordo di ‘conciliazione’ con la Uefa e accusano le ex ‘socie’ di aver commesso, dichiarando pubblicamente di voler uscire dal progetto, una “violazione materiale” dell’accordo stretto tra i fondatori. Causando così, scrivono Juve, Real e Barça nella lette...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.