Uefa: 'Superlega, cospiratori che fanno un affronto al merito sportivo. Proteggiamo il calcio da un clan'

·1 minuto per la lettura

Come riporta il sito ufficiale della Uefa, il 45° Congresso Ordinario UEFA si è tenuto oggi a Montreux (Svizzera) e le 55 federazioni hanno approvato all'unanimità una dichiarazione che condanna fermamente la cosiddetta Super League:

Le 55 federazioni e i partecipanti al Congresso UEFA condannano la cosiddetta “Super League” da poco annunciata. Il Congresso UEFA ritiene categoricamente che una “Super League” chiusa sia contraria all'essenza di ciò che è europeo, ovvero unificato, aperto, solidale e basato sui valori sportivi. La UEFA e le federazioni credono in un modello veramente europeo fondato su competizioni aperte, sulla solidarietà e sulla ridistribuzione, per garantire la sostenibilità e la crescita del calcio a vantaggio di tutti nonché la promozione dei valori europei e dei risultati a livello sociale.

Evidentemente, i club cospiratori non sono riusciti a capire che il loro status odierno non è arrivato in un contesto di isolamento, bensì nell'ambito di un sistema europeo dinamico in cui club grandi, medi e piccoli hanno contribuito ai successi e agli insuccessi di tutti. È un affronto ai valori europei e al merito sportivo pensare che abbiano il diritto di “separarsi” e rivendicare un'eredità a cui tutti hanno contribuito.

La UEFA, le federazioni e tutti coloro che amano il calcio non cedono e lotteranno nella massima misura possibile contro le decisioni dei proprietari di questi club e i loro sostenitori. Sappiamo quello che c'è in gioco dal punto di vista morale e proteggeremo il calcio da un clan egoista che non se ne prende cura. Noi siamo il calcio europeo, non loro.