Ufficiale: la Formula E sospende il campionato per due mesi

Matt Kew
motorsport.com

La FIA e la Formula E hanno annunciato ufficialmente la sospensione di due mesi della stagione 2019-20 del campionato a seguito del diffondersi dell’epidemia di COVID-19.

Le indiscrezioni circa una simile soluzione erano iniziate a circolare nella giornata di mercoledì, alla luce della dichiarazione di pandemia da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma un annuncio ufficiale era atteso non prima di lunedì.

Stando a quanto appreso da Motorsport.com, gli organizzatori della serie avevano deciso di attendere fino al termine del Gran Premio di Australia prima di comunicare lo stop.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Nel comunicato si legge: “La decisione, presa in coordinamento con le autorità locali competenti, di sospendere temporaneamente le gare che si svolgono in città molto popolate, è stata presa come la linea d'azione più responsabile, a causa della continua diffusione del coronavirus ed a seguito dell’annuncio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che ha riconosciuto ufficialmente la COVID-19 una pandemia”.

"Dato che il benessere del personale, degli spettatori e dell'intera forza lavoro del campionato è la priorità, le misure precauzionali messe in atto impediranno alle gare di essere disputate durante un determinato periodo di tempo”.

La serie ha implementato un sistema di bandiere per determinare i tempi e la fattibilità per stabilire quando le gare potrebbero essere riorganizzate e quali eventi possono andare avanti senza conseguenze.

Le gare che cadono nei mesi di marzo e aprile sono state classificate come bandiere rosse, e questo significa che l'E-Prix di Parigi è stato annullato. Inoltre sembra ormai venuta meno la prospettiva di una gara al Circuito Ricardo Tormo, sede dei test pre-campionato di Formula E a Valencia.

Il mese di maggio è stato contrassegnato con bandiera gialla, per cui la possibilità di disputare una gara è stata tenuta aperta. Nonostante l’E-Prix di Seoul fosse stato programmato per il 3 maggio, adesso l’evento rientra tra quelli annullati come Sanya, Roma, Jakarta e Parigi.

Gli eventi di giugno e luglio sono stati contrassegnati con bandiera verde dalla Formula E, e quindi le gare di Berlino e New York, oltre alla doppia finale di stagione di Londra, dovrebbero disputarsi come previsto.

Alejandro Agag, il fondatore e presidente della Formula E, ha detto: Adesso è il momento di agire in modo responsabile ed è per questo che abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la stagione e di procedere con l'introduzione di misure per congelare le gare nei prossimi due mesi”.

"Il motorsport gioca un ruolo importante nella nostra vita ed è importante, ma ciò che è più importante è la salute e la sicurezza del nostro personale, dei tifosi e delle loro famiglie, così come dei cittadini delle città in cui gareggiamo”.

"Il Campionato di Formula E tornerà a pieno regime una volta che la crisi sanitaria in corso e la diffusione di COVID-19 si sarà placata".

I responsabili della Formula E hanno aggiunto che continueranno a lavorare in collaborazione con la FIA e le autorità locali per valutare un calendario rivisto e tentare di riprogrammare le gare dopo la sospensione temporanea.

La FIA e la Formula E hanno annunciato ufficialmente la sospensione di due mesi della stagione 2019-20 del campionato a seguito del diffondersi dell’epidemia di COVID-19.

Le indiscrezioni circa una simile soluzione erano iniziate a circolare nella giornata di mercoledì, alla luce della dichiarazione di pandemia da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma un annuncio ufficiale era atteso non prima di lunedì.

Stando a quanto appreso da Motorsport.com, gli organizzatori della serie avevano deciso di attendere fino al termine del Gran Premio di Australia prima di comunicare lo stop.

Nel comunicato si legge: “La decisione, presa in coordinamento con le autorità locali competenti, di sospendere temporaneamente le gare che si svolgono in città molto popolate, è stata presa come la linea d'azione più responsabile, a causa della continua diffusione del coronavirus ed a seguito dell’annuncio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che ha riconosciuto ufficialmente la COVID-19 una pandemia”.

"Dato che il benessere del personale, degli spettatori e dell'intera forza lavoro del campionato è la priorità, le misure precauzionali messe in atto impediranno alle gare di essere disputate durante un determinato periodo di tempo”.

La serie ha implementato un sistema di bandiere per determinare i tempi e la fattibilità per stabilire quando le gare potrebbero essere riorganizzate e quali eventi possono andare avanti senza conseguenze.

Le gare che cadono nei mesi di marzo e aprile sono state classificate come bandiere rosse, e questo significa che l'E-Prix di Parigi è stato annullato. Inoltre sembra ormai venuta meno la prospettiva di una gara al Circuito Ricardo Tormo, sede dei test pre-campionato di Formula E a Valencia.

Il mese di maggio è stato contrassegnato con bandiera gialla, per cui la possibilità di disputare una gara è stata tenuta aperta. Nonostante l’E-Prix di Seoul fosse stato programmato per il 3 maggio, adesso l’evento rientra tra quelli annullati come Sanya, Roma, Jakarta e Parigi.

Gli eventi di giugno e luglio sono stati contrassegnati con bandiera verde dalla Formula E, e quindi le gare di Berlino e New York, oltre alla doppia finale di stagione di Londra, dovrebbero disputarsi come previsto.

Alejandro Agag, il fondatore e presidente della Formula E, ha detto: Adesso è il momento di agire in modo responsabile ed è per questo che abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la stagione e di procedere con l'introduzione di misure per congelare le gare nei prossimi due mesi”.

"Il motorsport gioca un ruolo importante nella nostra vita ed è importante, ma ciò che è più importante è la salute e la sicurezza del nostro personale, dei tifosi e delle loro famiglie, così come dei cittadini delle città in cui gareggiamo”.

"Il Campionato di Formula E tornerà a pieno regime una volta che la crisi sanitaria in corso e la diffusione di COVID-19 si sarà placata".

I responsabili della Formula E hanno aggiunto che continueranno a lavorare in collaborazione con la FIA e le autorità locali per valutare un calendario rivisto e tentare di riprogrammare le gare dopo la sospensione temporanea.

 

Potrebbe interessarti anche...