Un derby che vale una riconferma: Pioli si gioca la panchina Inter

Stefano Pioli smentisce le dimissioni dopo il ko di Firenze, poi il messaggio all'Inter: "Contro il Napoli dimostriamo di essere una grande squadra".

A prescindere dalle dichiarazioni di facciata, appare chiaro che il futuro di Stefano Pioli sulla panchina dell'Inter sia strettamente legato al derby di Milano in programma oggi ed alla qualificazione alla prossima Europa League.

La dirigenza di Suning, al momento di mettere nero su bianco con l'ex Lazio, gli ha chiesto la qualificazione europea 'meno importante'. In un primo momento sembrava potesse arrivare anche la Champions, ma poi la squadra ha probabilmente pagato lo sforzo di alcuni mesi troppo con l'acceleratore premuto.

Perdere la stracittadina ed essere a -5 dai cugini renderebbe tutto più difficile. Dalla sua Pioli ha comunque la fiducia dei giocatori, in primis quella di capitan Icardi: "Il mister da quando è arrivato ha fatto delle grandi cose, penso che meriti la fiducia di tutti. Secondo me è un allenatore che può darci ancora molto".

Per la sua eventuale sostituzione i nomi in pole continuano ad essere quelli di Antonio Conte e di Diego Simeone (pare sia pronto un nuovo assalto al Cholo prima della fine della stagione).

Nel momento in cui non sarà possibile ambire a questi top manager sono pronti Jardim del Monaco, Luciano Spalletti (tecnico Roma) e Marco Silva, tecnico portoghese che sta facendo molto bene sulla panchina dell'Hull City e che prima dell'arrivo di De Boer era stato già contattato.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità