Un dispositivo per bruciare il coronavirus nelle scuole

·1 minuto per la lettura
scuola coronavirus
scuola coronavirus

La scuola deve andare avanti. Uno degli obiettivi non solo della ministra Azzolina, ma del governo, che vuole garantire un’istruzione adeguata anche quando i dati giornalieri sui nuovi contagi fanno preoccupare. E allora si cerca, in tutti i modi, di tenere il virus fuori dagli edifici scolastici. Come? Anche, in caso, bruciandolo.

Scuola, il dispositivo che brucia il coronavirus

Il suo compito è quello di eliminare il coronavirus bruciandolo: è il nuovo dispositivo installato all’istituto Giulio Navatta, a Rivoli. La scuola del torinese è la prima in Italia ad essersi dotata di una tecnologia per la purificazione dell’aria, una sorta di “bruciatore” di germi, batteri e ovviamente virus. Semplice e molto utile, il dispositivo utilizza la luce per funzionare. “Questo sistema è interessante in generale per il problema della qualità dell’aria indoor -afferma il virologo Pregliasco, direttore sanitario dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano-. Per quel che riguarda il Covid rappresenta un’ulteriore barriera alla diffusione. È infatti fondamentale che le azioni siano tante, pensando che ogni sistema di protezione ha delle falle e che dunque bisogna avere più barriere che ci permetteranno di convivere con il virus che sarà presente ancora a lungo“.

Dispositivi installati nelle aule a Rivoli

Nelle 27 aule dell’istituto Giulio Navatta di Rivoli sono stati installati 112 dispositivi, chiamati “Air Panel”. La tecnologia usatat si chiama “WiwActive” e, attraverso la fotocatalisi con luce visibile a led, impiega il biossido di titanio dopato. Questo sistema può generare un processo ossidativo tramite particelle generate dalla luce che inattivano la molecola inquinante, che sia un agente inquinante o un virus.