Un italiano al Tottenham: c'è Giovanni Cerra nello staff di Mourinho

Tra i collaboratori di Mourinho c'è anche il romano Giovanni Cerra, col portoghese già allo United. Nel 2016 venne pubblicamente rimproverato da Mou.
Tra i collaboratori di Mourinho c'è anche il romano Giovanni Cerra, col portoghese già allo United. Nel 2016 venne pubblicamente rimproverato da Mou.

Un italiano al Tottenham. Non in campo, o almeno non ancora, ma nello staff di José Mourinho. È Giovanni Cerra, 44 anni, analyst romano che, come ai tempi del Manchester United, lavorerà a stretto contatto con il manager portoghese anche a Londra.


C'è anche lui nel nutrito elenco di personaggi, variegati e di nazionalità diverse, che comporranno l'elenco dei collaboratori di Mourinho. Fanno parte della lista, tra gli altri, anche João Sacramento e Nuno Santos, i quali, come comunicato nel pomeriggio dal Lille, hanno lasciato il club francese per iniziare una nuova avventura al Tottenham.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Cerra, come detto, ricoprirà il ruolo di technical analyst. Ovvero, si occuperà di raccogliere dati utili per 'leggere' le prestazioni dei propri giocatori e di quelli avversari. Una mansione tattica fondamentale per Mourinho.

Lo stesso Cerra, peraltro, è divenuto famoso nel 2016 fa per un episodio in cui, suo malgrado, è diventato protagonista assieme a Rui Faria, altro storico collaboratore di Mourinho. Uno screzio avvenuto ai bordi del campo a causa della mancata lettura di un cambio modulo dello Zorya, avversario in Europa League, con tanto di indicazioni imprecise a Paul Pogba.

Proprio Mourinho, al termine di quel match, non si era fatto scrupoli nel puntare il dito nei confronti dei propri collaboratori per quanto accaduto quella sera:

"Lo Zorya ha cambiato organizzazione di gioco e Paul era confuso. Io voglio che i miei assistenti si prendano cura di tutti i dettagli".

Un episodio di campo come tanti altri, naturalmente. Un diverbio immediatamente chiarito, tanto che Cerra ha continuato a lavorare con Mourinho, lasciando poi il Manchester United assieme a José a febbraio. Qualche mese dopo, rieccoli insieme. Toccherà a loro rialzare le quotazioni di un Tottenham in crisi profonda.

Potrebbe interessarti anche...