Unai Emery: Mr. Europa League colpisce ancora

·3 minuto per la lettura

Sovvertendo tutti i pronostici, il Villareal ha sconfitto il Manchester United nella finale di Europa League, conquistando il primo titolo nella sua storia. Dopo l'1-1 nei tempi regolamentari (reti di Moreno e Cavani), la sfida si è protratta fino ai tempi supplementari e, visto l'equilibrio tra le due squadre, si è passati ai rigori.

Solitamente, i più scaramantici preferiscono non guardare un penalty e decidono così di dare le spalle all'esecuzione. Ieri sera allo stadio di Danzica (Polonia) saranno rimasti in quella posizione per molto, molto tempo, visto che la partita si è decisa solo al ventunesimo rigore, quando De Gea (sì, il portiere) si è fatto neutralizzare la conclusione dal suo collega Gero Rulli.

Sicuramente non sarà rimasto di spalle Unai Emery, vero protagonista della vittoria degli Amarillo. Lui nella scaramanzia non ci crede, sa che le vittorie arrivano solo grazie all'impegno e al duro lavoro. E se arrivi in finale di Europa League per 5 volte, vincendone 4, evidentemente è perché di impegno e duro lavoro ne metti tanto.

Chissà se nel 2005, quando ha appeso gli scarpini al chiodo, immaginava una carriera da allenatore così brillante. Da calciatore era stato un centrocampista abbastanza mediocre, lontano dalle grandi passerelle calcistiche, ma già nelle sue prime esperienze con Lorca, Almeria e Valencia aveva mostrato il suo talento. Raggiunge il gota del pallone solo nel 2014 grazie al suo passaggio al Siviglia con il quale vince 3 Europa League consecutive. Poi la parentesi al PSG e la delusione all'Arsenal, quando perde in finale contro il Chelsea di Sarri. Quest'anno è arrivato al Villareal e Mr. Europa League è riuscito a ripetere l'impresa anche col Sottomarino Giallo.

Come abbiamo detto, quella di ieri è la quarta Europa League conquistata da Emery; andiamo a rivivere i precedenti.

1. Siviglia, 2013/14

L'Europa League 2013-14 | GIUSEPPE CACACE/Getty Images
L'Europa League 2013-14 | GIUSEPPE CACACE/Getty Images

Dopo la breve e triste esperienza in Russia, nel gennaio 2013 Emery passa al Siviglia, dove hanno inizio i suoi successi. In appena 6 mesi, il basco riesce a raggiungere la finale di Europa League, dove affronta il Benfica. All'Allianz Stadium, la partita si protrae ai rigori, dove sono gli andalusi ad avere la meglio.

2. Siviglia, 2014/15

La coppa del 2014-15 | Martin Rose/Getty Images
La coppa del 2014-15 | Martin Rose/Getty Images

Nel 2014 la storia si ripete: il Siviglia di Emery arriva nuovamente in finale e deve confrontarsi con gli ucraini del Dnipro, squadra rivelazione di quell'edizione. Gli spagnoli vincono 3-2 grazie al gol di Krychowiak e a una doppietta di Carlos Bacca.

3. Siviglia, 2015/16

La medaglia dell'edizione 2015-16 | David Ramos/Getty Images
La medaglia dell'edizione 2015-16 | David Ramos/Getty Images

La stagione 2015-16 non inizia nel migliore dei modi: il Siviglia viene infatti eliminato dalla Champions League, ma grazie al terzo posto nel girone (dietro a City e Juventus) riesce a tornare in Europa League. Dopo aver eliminato Molde, Basilea, Athletic Bilbao e Shakhtar Donetsk, gli uomini di Emery arrivano alla finale contro il Liverpool. Sulla panchina dei Reds siede Jurgen Klopp che vuole alzare il primo trofeo europeo della sua carriera. A niente serve il vantaggio di Sturridge, gli andalusi vinceranno la gara grazie a Gameiro e alla doppietta di capitan Coke. Per il Siviglia è la terza Europa League di fila, un record.

4. Villareal, 2020-21

Emery con la coppa conquistata ieri sera | MICHAEL SOHN/Getty Images
Emery con la coppa conquistata ieri sera | MICHAEL SOHN/Getty Images

Dopo la delusione legata alla sconfitta in finale con l'Arsenal, Emery si rimette in gioco con il Villareal. Nonostante un campionato deludente in cui raggiunge il settimo posto, il Sottomarino Giallo riesce ad arrivare fino in fondo in Europa League, sconfiggendo lo United dopo una serie di rigori infinita. Per Mr. Europa League è il 4 successo su 5 finali disputate, nessuno meglio di lui.

Segui 90min su Facebook.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli