Vaccino, come verrà distribuito in Italia: il piano

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Con l’arrivo anche in Italia del vaccino anti coronavirus della Pfizer-Biontech, sono in molti a chiedersi come prenderà il via la campagna di vaccinazione di massa. Sono 9.750 le dosi che hanno lasciato il Belgio e sono arrivate in Italia e scortate fino all’ospedale Spallanzani di Roma. Ventuno i siti principali di riferimento, in vista del V-Day europeo di domenica 27 dicembre.

Entra in campo, per l’operazione, la Difesa con Aeronautica, Esercito e Marina. La prima vaccinata in Italia sarà un'infermiera dell'ospedale Spallanzani, Claudia Alivernini, impegnata in prima linea negli ultimi mesi nella battaglia contro il Covid.

GUARDA ANCHE - Vaccino, ecco lo spot

La vaccinazione degli operatori sanitari, ospiti e personale delle Rsa avrà inizio in tutte le regioni a partire da domenica. Delle 9.750 dosi iniziali Pfizer consegnate allo Spallanzani, una parte sarà trasportata a Pratica di Mare dove cinque aerei raggiungeranno le mete più lontane

Nella seconda fase della campagna, non appena disponibili i vaccini delle altre aziende, l'hub principale per lo stoccaggio delle dosi sarà l'aeroporto di Pratica di Mare, da dove partiranno per raggiungere i 21 "Sub Hub", strutture militari dislocate in tutte le Regioni che garantiscono le necessarie misure di sicurezza.

Infine, da Pratica di Mare partiranno i vaccini per essere consegnati ai siti di somministrazione con l'utilizzo di 11 aerei, 73 elicotteri e oltre 360 autoveicoli. Nella settimana dal 28 dicembre arriveranno altre 450 mila dosi - ha detto il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri -, portate direttamente dall'azienda nei 300 punti somministrazione scelti con regioni e province autonome”.