Vendita Milan: Elliott ha altre offerte, ma Investcorp può chiudere in due settimane. Tutti gli aggiornamenti

·2 minuto per la lettura

Dentro o fuori, in due settimane. La trattativa per la cessione del Milan da parte di Elliott a Investcorp corre spedita ed entro i primi giorni di maggio arriverà la risposta definitiva. Sul tavolo del fondo statunitense, che prelevò il club rossonero nel luglio 2018, ci sono diverse offerte ma quella del fondo del Bahrain, supportato dal fondo sovrano degli Emirati Mubadala, è davanti a tutte. I tempi sono ristretti, l'esclusiva scadrà tra circa due settimane e non sono previste proroghe, un tempo nel quale Investcorp concluderà la due diligence, l’analisi dei conti rossonera. Che non dovrebbe regalare sorprese, considerando il lavoro fatto da Elliott in questi anni.

CONTI E PREZZO - Il rosso di bilancio è infatti passato dai -195 milioni al giugno 2020 ai -96 del 2021 ed è annunciato in ulteriore miglioramento anche quest’anno, grazie a una politica di autosostenibilità (tra scelte di mercato, politica dei giovani e ingaggi contenuti) di sponsoring aggressiva (27 fra nuovi accordi e rinnovi di quelli in essere da agosto 2020 a oggi). Stabilità finanziaria e di gestione, che hanno permesso al Milan di rivedere la luce, con Investcorp può arrivare il salto di qualità. Il prezzo che dovrebbe pagare (il condizionale è sempre d'obbligo in questa fase) è di 1,1 miliardi di dollari, una record per l'Italia, ma più basso rispetto ad altre alternative negli Stati Uniti e in Europa, per per un fondo di investimenti che vuole espandersi a livello globale e ha scelto il settore dello sport per produrre valore e per avere un riconoscimento internazionale. L'ipotesi di entrata nel Milan inizialmente con una quota di minoranza non va esclusa, ma al momento ha basse percentuali. Investcorp vuole legare il suo nome a quello del Milan, per un binomio vincente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli