Verso Italia-All Blacks, parla Ardie Savea: "Non sottovalutiamo gli azzurri"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Ardie Savea degli All Blacks (Photo by Albert Perez/Getty Images)
Ardie Savea degli All Blacks (Photo by Albert Perez/Getty Images)

Sabato 6 novembre, ore 14, allo stadio Olimpico di Roma, l'Italia del rugby dovrà affrontare i temutissimi All Blacks di mister Ian Foster. C'è grande attesa per questa gara, non solo da parte degli uomini di Kieran Crowley.

Appena sbarcati nella capitale, il primo dei campioni neozelandesi a parlare in conferenza stampa è stato Ardie Savea. Il flanker degli All Blacks ha subito confessato ai giornalisti di non sentirsi così sicuro di ottenere una vittoria facile contro gli italiani, memore anche di quanto accaduto nel 2018, ultimo confronto diretto con gli azzurri prima dello 0-0 a tavolino della RWC del 2019.

Savea, dall'alto della propria esperienza, ha spiegato: "Se sottovalutiamo l'Italia sarà un lungo pomeriggio per noi. Conosciamo quale sia la loro fisicità, e ricordo chiaramente che l'ultima volta la loro terza linea ci ha messo in difficoltà e ha finito per dominarci. Non prendiamo questa gara alla leggera".

GUARDA ANCHE - Mondiali di Rugby 2019, il trionfo degli All Blacks

Un difetto della sua squadra? "Concediamo ancora troppe punizioni sciocche, ma ci stiamo lavorando", ha precisato Savea. Con l’Italia certamente non giocherà ( il c.t. Foster farà riposare diversi sui campioni), poi però nelle due sfide con Irlanda e Francia sarà regolarmente al suo posto. "A me davvero non interessa dove mi fanno giocare. Il mio unico obiettivo è prepararmi bene durante la settimana per poi fare al meglio e con il sorriso sulle labbra quello che amo: giocare a rugby".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli