I viaggi per la Francia, i soldi della famiglia e la finale di Champions League: l'ex allenatore racconta Mahrez

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Esclusiva 90min.com - La crescita di Riyad Mahrez è una delle più grandi storie del calcio contemporaneo. Il nativo di Sarcelles si trasferì a Finistère in cerca di un'opportunità per avviare la sua carriera. In esclusiva per 90min, a parlare degli esordi del prodigio del Manchester City è stato Ronan Saulan, suo ex allenatore al Quimper Kerfeunteun Football Club.

"All'epoca ci disse: 'Giocherò il Mondiale e al Barcellona. Fece ridere molto i suoi compagni, che gli risposero: 'Inizia già a giocare a Quimper, sarà bello così. Era sempre di buon umore, sempre positivo e scherzoso, abbiamo scherzato un po' su di lui e abbiamo pensato che fosse un po' fuori...", ha ammesso sorridendo Saulan.

Quasi dodici anni dopo (a quei tempi ne aveva 18) scopriamo che Mahrez non fosse tanto lontano dalla verità. L'apice della sua carriera lo raggiungerà sabato prossimo contro il Chelsea, in finale di Champions League: "Stiamo parlando di un giocatore che a 18-19 anni non aveva mai giocato a livello nazionale. Quindi vederlo in finale di Champions League è una favola".

Quimper: dove tutto ebbe inizio

Eppure, Mahrez era tutt'altro che un predestinato. Nonostante le straordinarie qualità tecniche, come molti talenti è caduto nel vuoto. "Viene dalla periferia di Parigi e nessuno gli ha dato una possibilità", si stupisce anche l'ex allenatore del Quimper Cornouaille dal 2005 al 2010. Il franco-algerino ha comunque continuato a cercare un'occasione, facendosi prestare soldi dalla sua famiglia per inseguire il suo sogno.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Decise di tentare un provino proprio con il Quimper, era l'ultima spiaggia per emergere nel calcio professionistico. "Eravamo in CFA, l'equivalente della National 2 oggi, e avevo molti curricula che provenivano da giocatori di CFA 2, CFA, National e Ligue 2", ha ricordato il tecnico. "Così ho risposto a tutti e abbiamo deciso di organizzare un'amichevole a Quimper un mercoledì pomeriggio per vederli al lavoro. Il viaggio era una loro responsabilità, perché ovviamente non avevamo necessariamente i mezzi per pagarlo a tutti". L'esito fu scontato: "Sono venuti una ventina di giocatori, compreso Riyad Alla fine della partita, li ho riuniti tutti per dire loro che l'unico che ha attirato la mia attenzione è stato Riyad. Ho dovuto trattare molto con i miei dirigenti perché c'erano tante certezze nel gruppo, mentre lui era una scommessa".

Contratto federale e lavoro di educatore

Il sogno di una vita fu in procinto di prendere forma, ma non fu facile farlo firmare: "All'inizio gli ho detto che sarebbe stato complicato e si è messo a piangere, perché pensava che il suo sogno stesse svanendo. Mi ha davvero toccato. Ricordo di aver contattato lo Stade Brestois per reclutarlo. Ho detto loro: 'Prendetelo, non vi costa nulla' e mi hanno risposto che avevano già la squadra al completo".

Riyad Mahrez | Sebastian Frej/MB Media/Getty Images
Riyad Mahrez | Sebastian Frej/MB Media/Getty Images

"Alla fine, sono riuscito a convincerlo a venire per il precampionato senza che lui firmasse. All'inizio gli ho trovato uno stage in una scuola di Quimper come educatore, in modo che potesse essere nutrito e ospitato. È stato complicato perché in città non avevamo molte risorse. O lo si ingaggiava come dilettante oppure gli si offriva un contratto federale. Ho dovuto combattere con i miei superiori per convincerli", ha dichiarato Saulan. Secondo alcune fonti francesi, Mahrez percepiva 750 euro al mese con quel contratto.

Un difficile adattamento

Mahrez giocò solamente una stagione in Bretagna (2009/10) prima di suscitare l'invidia di chi lo aveva scartato. Eppure, i primi mesi non sono stati così semplici: "All'inizio della stagione, i primi 3-4 mesi sono stati un po 'difficili. Era necessario che si inserisse in CFA. Era carente nella disciplina tattica. Veniva dal'lU19 del Sarcelles e gli abbiamo dovuto infondere un certo rigore comportamentale. A volte l'ho messo centrocampista sinistro, l'ho trovato subito dietro a seguire la palla". Istruzioni che hanno dato i loro frutti: "Una volta ambientatosi, intorno a metà campionato ha catturato l'attenzione di grandi club come il Marsiglia, il Rennes e il Le Havre, che hanno mandato degli emissari a vederlo giocare".

A fine stagione si trasferì al Le Havre, iniziando dalla squadra riserve, per poi esplodere e dare vita a una carriera inaspettata: "Ci abbiamo giocato contro e ha disputato una partita fantastica, segnando addirittura due gol".

"È sempre lo stesso Mahrez"

I tre gol realizzati tra andata e ritorno contro il PSG in semifinale di Champions hanno permesso ai ricordi di riaffiorare nella mente di Saulan: "Mahrez di adesso è lo stesso di prima. Già all'epoca aveva un'incredibile gamma di gesti tecnici. Ha fatto enormi progressi, ma noi siamo stati il club che lo ha scovato", ha aggiunto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Quello che mi ha colpito è stata soprattutto la sua intensità. Era forte tecnicamente e in grado di dribblare negli spazi stretti. Aveva un ottimo mancino e precisione nei passaggi. Ciò che mi ha affascinato è stato anche il suo lato atletico. Perché anche se era piuttosto fragile, poteva reggere gli sforzi. Mi ha sconvolto il suo primo test match con noi. È stata una svolta per me. È raro trovare un esterno offensivo come lui. Di solito i buoni calciatori fanno 3-4 giocate per tempo, lui ne aveva già fatte una quindicina", ha ammesso sbalordito l'ex allenatore.

Un "gran lavoratore"

Talento innegabile, qualità eccezionali e, soprattutto, uno stato d'animo irreprensibile: "È un gran lavoratore. Quando ci allenavamo alle 19, lui era ancora lì alle 22. All'epoca ero io a chiudere lo stadio e dovevo andare a prenderlo in modo che potessi andarmene".

Era un ragazzo molto curioso, voleva scoprire tutto. Non appena veniva criticato, lui prendeva ogni parola positivamente. Ha questa capacità di accumulare molti consigli ed è per questo che ha fatto così tanti progressi".

Insomma, Mahrez possiede tutti gli ingredienti di un grande campione. Ingredienti che potrebbero portarlo alla vittoria della più prestigiosa competizione europea.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli