Vieri: "Italia, abbiamo già vinto la finale. Chiellini? Con due polpacci nuovi gioca fino a 50 anni"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Christian Vieri ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport parlando del percorso compiuto dall'Italia a Euro 2020. Ancora pochi giorni di attesa e poi, domenica sera a Wembley, la Nazionale azzurra di Roberto Mancini affronterà l'Inghilterra per la conquista del titolo.

ITALIA IN FINALE - "Vedevo come giocava e anche che non perdeva mai: tante partite senza perdere, tante. Compresa l’Under 21, ho giocato in Nazionale quasi 15 anni: io lo so che fatica si fa, non solo fisica, anche mentale. Mica solo a Mondiali e Europei: anche nelle qualificazioni, soprattutto in trasferta. Se non perdi mai vuol dire che hai anima. E se non perdi mai giocando a calcio, sei squadra. Una grande squadra. Li ho visti un po’ cotti nei supplementari, ma gli spagnoli ti fanno girare anche le gambe, non solo la testa. Però quando arrivi in finale devi pensare solo una cosa: va come va. Tutta Italia, e tutti gli italiani nel mondo, oggi guardano la Nazionale: la grandezza non sta nella finale, quella l’abbiamo già vinta. Sta nel percorso fatto per arrivarci. Nella rivoluzione che ha fatto il Mancio. Ognuno ha un suo stile, questo è il suo: giocare con la qualità, per vincere. Ieri ho sentito dire: stavolta abbiamo deciso di difenderci. Ma che scemenza è? Ti difendi se sei costretto a farlo, mai sentito dire in una grande squadra: difendiamoci e vediamo come va. Oggi l’Italia è una grande squadra perché così non vuole giocare, mai. Questa oggi è la nostra storia: venivamo da un disastro, eravamo molto indietro e ora siamo molto avanti. Irriconoscibili".

SPAGNA - "Ho giocato un anno a Madrid, li conosco come le mie tasche: hanno una mentalità solo loro, giocavano questo calcio già vent’anni fa e poi con quel calcio hanno stradominato. Con loro puoi anche non ciaparla mai per 90’: puoi batterli ma non giocherai mai meglio di loro, perché sono questi da sempre. Noi no: noi siamo questi da quando c’è Mancini. Era un mio idolo quando ero ragazzino, poi ci ho giocato insieme, poi mi ha allenato: Mancini, da sempre, è uguale a bel calcio. Lo giocava, lo voleva, lo vuole".

Gianluca Vialli, Roberto Mancini | Chris Brunskill/Fantasista/Getty Images
Gianluca Vialli, Roberto Mancini | Chris Brunskill/Fantasista/Getty Images

VIALLI E MANCINI - "Una meraviglia. Loro due, Evani, Oriali che c’era nel 1982 e c’è ancora oggi, e poi ancora Lombardo, Salsano, De Rossi: questa per me è la Nazionale, gente che sa cosa vuol dire giocare con quella maglia".

BONUCCI E CHIELLINI - "Sono quelli che hanno più esperienza: insieme sono perfetti, non li cambio con nessuna altra coppia in Europa. Grande la sintesi di Mourinho: quei due arrivano da Harvard. La mia sintesi: se al Chiello si potessero mettere due polpacci nuovi, potrebbe giocare fino a cinquant’anni".

Leonardo Bonucci, Giorgio Chiellini | Jonathan Moscrop/Getty Images
Leonardo Bonucci, Giorgio Chiellini | Jonathan Moscrop/Getty Images

DONNARUMMA - "Se sei già il miglior portiere del mondo, sì: a 22 anni, sì. Gigio è nato per fare il portiere: esattamente come Buffon. E quest’anno lo ha allenato Dida, non a caso per una decina d’anni uno dei migliori portieri del mondo".

CHIESA - "Federico ha più forza, è perfetto per il calcio di oggi, Enrico era più attaccante, un fenomeno a calciare, di destro e di sinistro. Suo figlio è su quella strada, sta anche diventando più freddo davanti alla porta, ma ha ragione il Mancio: può segnare di più. Ha tutto per farlo: non solo forza, anche tecnica, velocità, scatto".

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli