Virus, l'allarme di Confesercenti: a rischio 8 miliardi di Pil in 6 mesi

Yahoo Finanza
Virus, l'allarme di Confesercenti: a rischio 8 miliardi di Pil in 6 mesi
Virus, l'allarme di Confesercenti: a rischio 8 miliardi di Pil in 6 mesi

''L'emergenza coronavirus si prolunga e l'impatto sull'economia peggiora: se la 'fase acuta' dell'allarme da contagio dovesse durare fino ad aprile, sarebbero a rischio 6,5 miliardi di consumi, interni e turistici, e 8 miliardi di Pil nel semestre''. 

A stimarlo è Confesercenti, rivedendo le stime iniziali dell'associazione rilasciate il 25 febbraio, basate su ''un'ipotesi di un'emergenza più breve di quanto sia ora lecito supporre''. ''Se, come sembra, l'allarme coronavirus dovesse protrarsi con l'attuale intensità fino al prossimo mese, ad aggravarsi sarebbe infatti anche l'impatto sui consumi turistici (-5 miliardi) e interni (-1,5 miliardi). La flessione, insieme al calo degli investimenti, porterebbe alla perdita di 8 miliardi di euro di Pil (-0,3%) e alla possibile chiusura di 30mila imprese'', spiega Confesercenti.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Coronavirus, cosa prevede il nuovo decreto su Sanità e Giustizia

I settori più colpiti

''A essere coinvolti in diverso grado dalla frenata, settori che raccolgono circa un milione di attività: oltre al turismo, commercio, pubblici esercizi, servizi e trasporti. Stimiamo 2 miliardi di euro in meno di consumi per le imprese ricettive e 1,3 miliardi in meno per bar e ristoranti, mentre per agenzie di viaggio e tour operator la perdita è di 342 milioni. Per i negozi il calo è di 748 milioni di euro, 586 per i trasporti.

L'impatto è concentrato principalmente nelle regioni del nord e nelle città d'interesse turistico'', continua Confesercenti. ''Dal punto di vista economico, tutta l'Italia sta diventando una zona gialla, rossa nelle città d'arte - commenta Patrizia De Luise, presidente di Confesercenti- Contenere i contagi è prioritario e gli imprenditori sono in prima fila per dare il proprio contributo, consapevoli della situazione straordinaria. Ma anche determinati a far sopravvivere le imprese: il punto è garantire la continuità delle attività economiche al di là dell'emergenza. I 7,5 miliardi di euro in arrivo dal governo sono una risposta importante, ma potrebbero rilevarsi insufficienti se il trend dovesse continuare a lungo''.

LE NUOVE REGOLE: NO STRETTE DI MANO

DOPO LA BUFERA SULLA PIZZA “CORONA”, ECCO LA PIZZA “DELLA PACE” CON LA FRANCIA

''La priorità - continua De Luise - è agire sul fronte bancario, sospendendo le rate dei finanziamenti e agevolando il credito. Ma serve anche uno stop adeguato al fisco e l'estensione degli ammortizzatori sociali a micro imprese e autonomi. Poi, visto che siamo di fatto isolati dal mondo, il rilancio della domanda turistica interna: la nostra proposta è di scontare l'IVA a chi compra una vacanza presso una struttura ricettiva o un'agenzia di viaggio in Italia, e di permettere alle famiglie di detrarre il restante costo del soggiorno. Se possibile già da Pasqua, per favorire il riavvio della stagione turistica''.

Coronavirus, cosa prevede il decreto “scuola” firmato dal premier Conte

Disdette in una azienda su quattro

Piovono le prime disdette degli ordini in più di una azienda agricola su quattro (27%) per il crollo della domanda alimentare dopo la paralisi del turismo, i ristoranti vuoti, la chiusura forzata delle mense scolastiche e le difficoltà per l'export. E' quanto rivela la prima analisi Coldiretti-Ixè sugli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agroalimentare Made in Italy in occasione del primo weekend di avvio della campagna #MangiaItaliano nei mercati e negli agriturismi di Campagna Amica.

Una mobilitazione per difendere la principale ricchezza del Paese che con la filiera allargata dai campi agli scaffali fino alla ristorazione vale 538 miliardi di euro pari al 25% del Pil e offre lavoro a 3,8 milioni di persone. Un patrimonio - sottolinea la Coldiretti - messo a rischio dall'espansione del Covid-19 che sta provocando gravi difficoltà produttive, logistiche e commerciali a livello nazionale, senza dimenticare i pesanti danni di immagine e gli effetti del crollo del turismo che è sempre stato un elemento di traino del Made in Italy agroalimentare all'estero, amplificato dallo stop forzato alle Fiere che sono un momento importante di promozione. E non si vede una soluzione a breve visto che - continua la Coldiretti - per oltre la metà (51%) delle aziende l'impatto economico negativo è purtroppo destinato a durare nel tempo.

“Da quando è iniziata l'emergenza coronavirus - spiega Coldiretti - il fatturato è crollato nel 41% delle aziende del settore ma la situazione è ancora più grave negli agriturismi dove il 79% delle strutture dichiara un calo del fatturato. Peraltro i 23mila agriturismi italiani spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari lontano dagli affollamenti, con un numero contenuto di posti letto e a tavola, sono forse il luogo più sicuro in Italia per difendersi dal contagio, fuori dalle mura domestiche”.

La mappa in tempo reale del contagio

I consigli del ministero della Salute

Coronavirus: tutti i numeri dell’emergenza

L’iniziativa per salvare il made in Italy

Per combattere la disinformazione, gli attacchi strumentali e la concorrenza sleale prende il via la prima campagna #MangiaItaliano in Italia e all'estero per salvare la reputazione del Made in Italy, difendere il territorio, l'economia e il lavoro e far conoscere i primati della più grande ricchezza, del Paese, quella enogastronomica. Una iniziativa che vede schierati in prima linea durante il weekend i mercati degli agricoltori e gli agriturismi di Campagna Amica e alla quale stanno aderendo numerosi volti noti della televisione, del cinema, dello spettacolo, della musica, del giornalismo, della ricerca e della cultura insieme a tanta gente comune.

L'obiettivo - spiega la Coldiretti - è far conoscere direttamente dai protagonisti i primati del Made in Italy con l'agricoltura italiana che è oggi la più green d'Europa, con 297 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario, 415 vini Doc/Docg, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole bio, 40mila aziende agricole impegnate nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e a garantire un patrimonio di biodiversità che non ha eguali al mondo.

L'avvio di una corretta campagna di informazione sulla qualità e la salubrità dei prodotti agroalimentari Made in Italy e del turismo è la priorità segnalata dalla metà delle aziende del settore (50%) che chiedono però anche sgravi fiscali e contributivi, sostegni a consumi ed esportazioni e interventi di sostegno comunitari. 

GUARDA ANCHE - Zingaretti: “Sono positivo al coronavirus”

Potrebbe interessarti anche...