Voci di ritiro? Graziano Rossi: "A Vale non gliene frega un accidente"

Franco Nugnes
motorsport.com

Valentino Rossi tace. Trascorre la sua vacanza a Ibiza con la fidanzata Francesca Novello. A parlare ci pensa il papà, Graziano Rossi. Sulle colonne della Gazzetta Sportiva il genitore del nove volte campione del mondo ha cercato di glissare sulle dichiarazioni che Lin Jarvis ha rilasciato in un’intervista esclusiva a Motorsport.com.

La rosea ha parlato di critiche dei detrattori che invitano il “Dottore” al ritiro, senza considerare che le affermazioni che hanno fatto il giro del mondo sono venute dal capo di Valentino che hanno fatto da detonatore in questa estate calda.

“A Vale non gliene frega un accidente – racconta il papà – perché, come sempre, non legge niente di tutto quello che lo riguarda”.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

“E’ in gran forma fisica e questo non lo dico solo io, lo ripetono anche tutti quelli che gli sono vicini. E non è giù di morale. Magari è preoccupato, questo sì, perché indubbiamente ci sono stati dei problemi negli ultimi tempi. Ma non è demotivato: non lo è mai. Di solito quando è un po’ giù per qualche motivo non va più piano, è l’esatto contrario”.

“C’è stato un momento in cui Vale e la sua squadra sono rimasti senza direzione. Mi riferisco alla messa a punto di una moto che già di per sé è abbastanza complicata. Non è un mistero: tutti sanno che la Yamaha è la più lenta tra le moto attualmente in pista, sia in quanto a velocità di punta sia per accelerazione. E, quindi, la messa a punto è la chiave, per cercare di recuperare nel misto e nel guidato quel che si perde in rettilineo. Ecco, da un po’ di tempo in qua questo non è riuscito”.

Graziano poi dà la sua chiave di lettura del momento difficile di Vale…
“Nel suo team c’è stata una sbandata. Ma ora è tutto risolto. E non significa che ci saranno dei cambiamenti nel gruppo. Sono sicuro che già a Brno, il 4 agosto, Vale sarà al suo 80% e che dal GP successivo potrà ricominciare a lottare per il podio”.

“Io condivido un po’ di preoccupazioni di Vale, ma anche il suo ottimismo. E soprattutto vorrei vederlo correre sempre…”.

Potrebbe interessarti anche...