West Brom-Arsenal, la protesta è volante: "Wenger out"

La doppia umiliazione rimediata negli ottavi di finale contro il Bayern Monaco è la classica goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo, ma non serviva nemmeno un 1-5 all'andata e al ritorno per certificare quello che ormai tutto hanno capito da tempo: il rapporto tra Arsene Wenger e l' Arsenal è ormai finito.

Finito non ufficialmente, perché ancora si attende di capire cosa sceglierà di fare il manager alsaziano al termine della stagione in corso, ma deteriorato certamente sì. E a dimostrarlo sono le continue proteste da parte dei tifosi dell'Arsenal, che chiedono alla proprietà di non confermare un allenatore un tempo vincente, ma oggi incapace di proseguire sulla strada delle altre big europee.

Se prima del match di ritorno contro il Bayern Monaco è andato in scena un corteo all'esterno dell'Emirates Stadium, durante la gara di campionato persa per 3-1 contro il West Bromwich Albion i sostenitori dell'Arsenal hanno trovato un modo originale per esprimere il proprio dissenso: con uno striscione appeso a un aereo in volo sopra lo stadio The Hawthorns.


"No contract - Wenger out", la scritta sullo striscione. Niente nuovo contratto, via Wenger. Anche se, dopo il goal del momentaneo pareggio firmato da Alexis Sanchez, un secondo aereo con un messaggio di tenore opposto evidentemente organizzato da un'altra fetta della tifoseria ha sorvolato l'impianto: "In Arsene we trust - #RespectAW". Ovvero, ci fidiamo di Arsene.


Questa è in effetti la situazione di Wenger sulla panchina dell'Arsenal: c'è chi non vede l'ora di disfarsi di un manager considerato superato e più attento ai conti che alle vittorie, e chi non se la sente di disprezzare un personaggio che ha pur sempre scritto pagine indimenticabili della storia recente dell'Arsenal. Tra pochi mesi, il dilemma potrebbe essere finalmente risolto.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità