WRC: il Rally d'Argentina va verso il rinvio. Paura cancellazione

Giacomo Rauli
motorsport.com

Il coronavirus non ha ancora intaccato il calendario del WRC, almeno non lo ha fatto sino a oggi. In questo fine settimana si terrà regolarmente il Rally del Messico, terzo appuntamento della stagione, salvo imprevisti dell'ultima ora, ma ad avere le ore contate sembra essere il Rally d'Argentina.

La gara sudamericana, prevista dal 23 al 26 aprile, dovrebbe essere rinviata nelle prossime ore a data da destinarsi. Gli organizzatori dell'evento, in collaborazione con la FIA, stanno cercando un'altra data in cui disputare il rally, evitando di doverlo così cancellare.

Il procedimento ricalcherebbe perfettamente quanto già fatto dagli organizzatori del Gran Premio d'Argentina di Termas de Rio Hondo della MotoGP, con il rinvio della corsa supportato anche dalla FIM.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Nelle ultime ore Héctor Campana, presidente di Cordoba Deportes (agenzia del Governo della provincia di Cordoba, luogo in cui si tiene l'evento), ha dichiarato a Radio Mitre Cordoba: "Il Rally d'Argentina sarà rinviato. Gli organizzatori cercano un'altra data, così come ha fatto la MotoGP".

"E' corretto parlare di posticipazione, ma non c'è ancora una data certa in cui recuperare la corsa. Dovremo vedere come si evolverà la situazione legata alla pandemia di coronavirus".

Stando alle informazioni ricevute da Motorsport.com, potrebbe essere molto difficile per i promotori della gara trovare un'altra data per far disputare il Rally d'Argentina.

Il problema è trovare una collocazione nel calendario in cui la gara non costituisca un problema dal punto di vista logistico e, dato l'attuale calendario, sembra alquanto difficile trovare una soluzione accettabile per i team. Per questo motivo i promotori hanno voluto parlare solo di posticipazione, ma la paura di una cancellazione dell'evento è grande e più che concreta.

Potrebbe interessarti anche...