WRC: Lappi chiude al comando la prima tappa del Rally di Turchia

Giacomo Rauli
motorsport.com

Tutti si aspettavano un altro assolo delle Toyota, invece nella prima tappa del Rally di Turchia a fare la voce grossa sono state le Citroen C3 WRC ufficiali. Le due vetture francesi di Esapekka Lappi e Sébastien Ogier sono ai primi due posti della classifica generale dell'11esimo appuntamento del WRC 2019, mentre le Yaris sono molto attardate.

Ma procediamo con ordine. Bastonato più volte e solo a tratti lusingato per la sua guida, Esapekka Lappi è stato autore della giornata perfetta, quella che gli chiede il suo team da quando è entrato a far parte di Citroen Racing. Il finnico ha sfruttato perfettamente la sua posizione di partenza favorevole per firmare ottimi tempi alla mattina e suggellare il tutto con un giro pomeridiano perfetto.

Questo lo ha portato a chiudere davanti a tutti nella prima giornata completa di gara in Turchia. Inoltre domani potrà partire con un margine non risibile sui due avversari più temibili: Sébastien Ogier, secondo, e Thierry Neuville, terzo.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

A tal proposito, i due dei tre contendenti al titolo iridato hanno avuto una giornata molto differente, ma dal risultato quasi identico. Ogier è stato regolare per tutte e 6 le prove effettuate oggi (a parte una foratura lenta nella stage d'apertura); Neuville, invece, è stato autore di un giro mattutino da incubo, che però è stato cancellato da uno pomeridiano da vero campione.

Diamante della sua giornata la PS6, dove ha saputo sfruttare al massimo la sua scelta di gomme, il meteo e la sua Hyundai i20 firmando uno scratch favoloso, mentre tutti gli avversari hanno perso terreno. Ogier e Neuville sono secondo e terzo nella generale, ma sono staccati da appena 7 decimi di secondo. Una battaglia che riporta agli ultimi anni, quando sono stati proprio loro due a giocarsi il Mondiale.

In tutto questo Ott Tanak è andato incontro a una delle giornate peggiori della stagione. Non ha mai trovato il ritmo giusto per contrastare i diretti rivali - partiva nella posizione peggiore, va ricordato - poi è incappato in una sfortunata foratura, che però è sempre da mettere in conto su terreni insidiosi come quelli turchi.

Questo lo ha fatto sprofondare a oltre 1 minuto dai diretti rivali per il titolo. Se le cose non dovessero cambiare, sia Ogier che Neuville avranno la grande opportunità di recuperare tanti punti sul leader del Mondiale. Tanak è settimo, preceduto da Kris Meeke e seguito da Jari-Matti Latvala. Un vero e proprio calvario il pomeriggio del nord-irlandese e del finlandese.

Entrambi hanno faticato più del dovuto nella PS6, con il fondo reso viscido dalla pioggia, danneggiando le rispettive Yaris. Chi invece sta confermando una crescita esponenziale è Teemu Suninen, quarto nella classifica generale al volante della prima Ford Fiesta WRC Plus del team M-Sport.

Quinto posto per un positivo Andreas Mikkelsen, anche se sulla sua giornata pesa l'errata scelta di gomme al pomeriggio. Bene invece Daniel Sordo, il quale non si è abbattuto nonostante una foratura a inizio giornata e un calo di potenza avvertito nella PS6. Lo spagnolo è stato grazie a una poderosa PS7 - vinta, per altro, con grande margine su tutti - e ora può puntare a portare a casa punti importanti per Hyundai nel Mondiale Costruttori.

Completa la Top 10 Pontus Tidemand, al volante della seconda e ultima Ford Fiesta WRC di M-Sport. Il campione del mondo WRC2 2017 sta facendo esperienza al volante di una vettura Plus e il suo distacco è comprensibilmente alto, pur non avendo fatto errori per tutta la giornata.

Tremenda giornata per Skoda Motorsport, che ha visto uscire dalla lotta per la vittoria Kalle Rovanpera dopo pochi chilometri di gara. Una foratura e un capottamento pochi metri dopo hanno rovinato la gara del leader del Mondiale di categoria. Poi, come se non fosse abbastanza, tre forature in 2 speciali lo hanno costretto al ritiro dopo aver terminato le ruote di scorta.

In testa al WRC2 Pro c'è Jan Kopecky, con la seconda Skoda Fabia R5 Evo, il quale precede Gus Greensmith su Ford Fiesta R5 MKII. Brutta giornata anche per il britannico, frenato da 2 forature. Per quanto riguarda il WRC2 dedicato ai privati in testa troviamo Kajetan Kajetanowicz al volante di una Skoda Fabia. Il polacco precede Marco Bulacia Wilkinson e il nostro Fabio Andolfi, anche lui frenato da 2 forature.

Il Rally di Turchia riprenderà domani mattina con la Prova Speciale 8, la Yeşilbelde 1 di 33 chilometri che partirà alle ore 07:43 italiane.

Rally di Turchia - Classifica generale dopo la PS7

1

Lappi/Ferm

Citroen C3 WRC

1.59'53”7

2

Ogier/Ingrassia

Citroen C3 WRC

+17"7

3

Neuville/Gilsoul

Hyundai i20 Coupé WRC

+18"4

4

Suninen/Lehtinen

Ford Fiesta WRC

+44"4

5

Mikkelsen/Jaeger

Hyundai i20 Coupé WRC

+1'04"1

6

Sordo/Del Barrio

Hyundai i20 Coupé WRC

+1'25"2

7

Meeke/Marshall

Toyota Yaris WRC

+1'32"1

8

Tanak/Jarveoja

Toyota Yaris WRC

+1'37"4

9

Latvala/Anttila

Toyota Yaris WRC

+1'42"5

10

Tidemand/Floene

Ford Fiesta WRC

+3'45"4

Potrebbe interessarti anche...