WRC, Monte-Carlo, PS10: un super Evans torna in testa alla corsa

Giacomo Rauli
motorsport.com

Neuville chiama, Toyota risponde. O meglio, Evans. Il gallese ha sfoderato una prestazione magistrale nella Prova Speciale 10 del Rallye Monte-Carlo 2020, la La Bréole - Selonnet 1 di 20,73 chilometri, volando specialmente nelle sezioni ghiacciate.

Evans ha mostrato di avere una grande confidenza con la sua vettura che, lo ricordiamo, è dotata delle stesse gomme di tutte le altre WRC (4 chiodate più altre due di scorta della stessa natura). Implacabile la seconda metà della stage dell'ex pilota M-Sport, il tratto dove è realmente riuscito a fare la differenza su tutti.

Sébastien Ogier si è dovuto accontentare della seconda posizione nella prova, arrivando al traguardo con un ritardo di 7"6 nei confronti del compagno di squadra. Questo ha significato il sorpasso di Evans ai suoi danni nella classifica generale.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Ora Elfyn è tornato a comandare la gara con un vantaggio di 4"8 nei confronti del 6 volte iridato. Chi invece ha dovuto prendere atto della superiorità delle Toyota in questa prova è stato Thierry Neuville, terzo di speciale ma staccato di tanti secondi da entrambe le Yaris.

Neuville ha provato a salvaguardare le gomme chiodate nei primi chilometri, per poi spingere di più nella seconda. La tattica è stata usata anche da Evans, ma il gallese lo ha staccato di ben 13"8. Anche Ogier è risultato più veloce di lui di 6"2, dunque una manifestazione di superiorità meccanica su cui Hyundai dovrà cercare rimedi nel corso della stagione.

Lo stesso Ogier ha ammesso di non aver affrontato la prova in maniera spregiudicata. Eppure il suo tempo è stato decisamente più veloce di quello del belga. Ora Thierry se vorrà cercare di rientrare in lotta per il successo dovrà cercare di vincere entrambe le prove pomeridiane con un vantaggio convincente.

In queta prova Esapekka Lappi ha risposto agli attacchi di Kalle Rovanpera con una prova di spessore. Il finnico del team M-Sport ha colto il quarto tempo, aumentando il suo vantaggio nei confronti del rivale di 8"4. Ora tra i due ci sono 27"9. Un vantaggio che può essere definito rassicurante, anche se a Monte-Carlo ogni angolo, ogni curva, nasconde sorprese.

Eric Camilli continua a comandare la classifica WRC3 al volante della sua Citroen C3 R5 davanti a quella del connazionale Nicolas Ciamin. Mads Ostberg, invece, rimane in vetta di quella WRC2 con 13"1 di vantaggio sulla Hyundai i20 New Generation R5 di Ole Christian Veiby.

Il giro mattutino della seconda tappa del Rallye Monte-Carlo 2020 termina qui. Ora i piloti avranno il Service di metà giornata per preparare il giro pomeridiano che si svolgerà sulle stesse speciali sfruttate questa mattina. La prima prova di questo pomeriggio, la PS11 St-Leger-les-Melezes – La Batie Neuve di 16,87 chilometri, scatterà alle ore 14:08 italiane con la prima vettura che entrerà in prova.

Rallye Monte-Carlo - Classifica dopo la PS10

1

Evans/Martin

Toyota Yaris WRC

2.06'38”3

2

Ogier/Ingrassia

Toyota Yaris WRC

+4"8

3

Neuville/Gilsoul

Hyundai i20 Coupé WRC

+16"6

4

Loeb/Elena

Hyundai i20 Coupé WRC

+1'56"2

5

Lappi/Ferm

Ford Fiesta WRC

+2'31"4

6

Rovanpera/Halttunen

Toyota Yaris WRC

+2'59"3

7

Camilli/Buresi

Citroen C3 R5

+9'10"2

8

Katsuta/Barritt

Toyota Yaris WRC

+9'49"7

9

Ciamin/Roche

Citroen C3 R5

+10'32"4

10

Ostberg/Eriksen

Citroen C3 R5

+10'52"0

Potrebbe interessarti anche...